PARCO DEL POLLINO: Serra di Crispo

PARCO DEL POLLINO   -  Serra di Crispo

PARCO DEL POLLINO – Serra di Crispo

Il sentiero che collega Colle Impiso a Serra di Crispo è uno dei più belli dell’intero Parco del Pollino, forse quello che preferisco in assoluto tra tutti!
Questa vetta è una delle principali come altezza, 2.053 metri s.l.m. ma nonostante la sua altitudine rimane una delle più semplici da raggiungere.
E’, infatti, il naturale completamento di un grande pianoro erboso che sale gradualmente dai Piani sottostanti.

Il camminamento, come già descritto in altri articoli prende il via da Colle Impiso, ed è tracciato dalla segnaletica sia verticale che orizzontale CAI (bande bianco-rosso sui fusti degli alberi e frecce rosse sulle rocce).
Dopo una fase iniziale di 3-4 Km, in cui si attraversa un’ampia zona boschiva tutta in salita, si giunge sui piani del Pollino, (il pianoro di cui sopra) da cui è facile comprendere meglio la propria posizione e ammirare le vette circostanti (le Ciavole, il Dolcedorme, il Pollino e Serra di Crispo appunto).


Una volta sui piani ci si tiene sulla sinistra e si sale dirigendosi verso la Grande Porta (punto più basso del pianoro che separa Crispo dalla Ciavole. Per maggiori informazioni però vi rimando alla mappa dettagliata che potete trovare in questa pagina.

L’escursione, che ritengo mediamente impegnativa per via della lunghezza, ha una durata media di 7-8 ore andata e ritorno ed è lunga intorno ai 16 km. E’ possibile effettuare questo percorso lungo tutto l’anno, ma vi consiglio di percorrerlo almeno una volta in primavera (metà Maggio – metà Giugno), stagione nella quale i piani riservano uno spettacolo floreale coloratissimo e molto vario.
L’attrezzatura è quella solita: abbigliamento leggero ma isolante d’estate e ciaspole con calzature adeguate d’inverno.
I dislivelli variano da 1530 metri s.l.m. a Colle Impiso, per arrivare a 2000m sulla cima.

Per i fotografi questa è una delle mete imperdibili del Pollino, specie se si sale di notte e si attende l’alba.
Da Serra di Crispo, infatti, è possibile avere una splendida visuale sul mar Ionio con un orizzonte che spazia dal golfo di Taranto a Rossano. Nelle albe limpide, che è facile avere nel periodo estivo, i colori del cielo e del sole che si alza sul mare sono in grado di produrre uno spettacolo indimenticabile. Come attrezzatura fotografica vi consiglio un super grandangolare e una lente macro (se salite in Primavera).

Da fotografonaturalista.com

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie