GERMANIA: anziani “deportati” ad Est per … ridurre i costi.

Anziani germania – crisis.blogosfere

L’ABERRANTE   LOGICA  DEL  PROFITTO  STRAVOLGE  LE  STRUTTURE  SOCIALI  D’EUROPA…

 

La parola brucia, scotta. Eppure è il Guardian, autorevole quotidiano britannico, ad usarla nel catenaccio sotto il titolo: “inumana deportazione”.

Si tratta della sbalorditiva notizia che arriva dalla Germania. Ecco il testo del Guardian, in traduzione:

Un crescente numero di anziani e malati tedeschi vengono spediti all’estero per cure di lungodegenza in ospizi o centri di riabilitazione, a causa dei costi crescenti e del livello in declino dell’assistenza tedesca. L’iniziativa, che ha visto migliaia di pensionati ricollocati in case dell’Europa dell’Est e dell’Asia è stata pesantemente criticata dalle organizzazioni di welfare come “deportazione inumana”.

 

Il problema è la popolazione che invecchia e gli alti costi sociali dell’assistenza, che in un momento di tagli ed austerity non può provvedere a tutti. Così, come si delocalizzano le industrie per risparmiare sui costi, ora si delocalizzano a forza anche anziani e malati per lo stesso motivo. Ma qui si tratta di esseri umani, e non di macchinari.

 

Circa 7000 di essi si trovano oggi in ospizi in Ungheria, 3600 in Repubblica Ceca e Slovacchia, altre centinaia in Spagna, Grecia e persino Thailandia o le Filippine. Il Guardian ha parlato con molti di essi, ed hanno dichiarato che sono stati costretti a tale scelta con estrema riluttanza. Inoltre, sembra che aziende specializzate nel business degli anziani stiano aprendo sedi in questi Paesi proprio per stipulare convenzioni col sistema sanitario tedesco e “ricevere” i vecchietti spediti colà dalla Germania.

 

Le associazioni lanciano l’allarme: anziani spesso poco presenti a se stessi che si ritrovano in posti lontani, con lingue diverse, fuori dalla loro casa e dal loro quartiere. In posti dove, come accade per le industrie, l’obiettivo è il risparmio all’osso.

 

Non so esprimere quanto trovo agghiacciante quello che sta accadendo. Non voglio arrivare a fare orridi paragoni col passato. Ma sempre più trovo inumana e terribile questa orrenda Europa e il suo metodo di governo, da cui vorrei scappare insieme a tutto il mio Paese. Ripeto ciò che ho detto altre volte: chi voterà “per l’Europa” è mio nemico.

Da blogosfere

Foto –  Photopin

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie