Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

I MITI GRECI – Demetra e la nascita delle stagioni

Demetra – Foto: web


DEMETRA, la dea dell’agricoltura

Demetra era la dea della fertilità, una divinità madre associata alla terra, che proteggeva le terre coltivate, e specialmente quelle a grano. Era anche la dea delle nascite nel mondo: tutti i fiori, le frutta e le cose viventi, erano doni di Demetra e delle sue cure. Demetra era strettamente legata a sua figlia Persefone, il cui padre era Zeus, e le due divinità femminili, sono spesso menzionate insieme.
Il rapimento di Persefone

Il mito più famoso, ad esse relativo, è quello del rapimento di Persefone ad opera di Ade.

Il dio dell'Ade che sparge semi nei canpi che sono stati seminati da Demetra (Vaso con figure rosse 430-420 a.C., Atene, Museo Archeologico). [cliccare per ingrandire]

Il dio dell’Ade che sparge semi nei canpi che sono stati resi fertili da Demetra (Vaso con figure rosse 430-420 a.C., Atene, Museo Archeologico).

Persefone, unica figlia di Demetra, cresceva da ragazza felice insieme a sua madre e le altre dee, finché un giorno, Ade non se ne innamorò e la rapì. Persefone stava raccogliendo dei gigli in un campo, quando improvvisamente la terra si aprì sotto i suoi piedi, ed Ade la trascinò con sé nel suo mondo. Quando Demetra si accorse che la figlia era scomparsa, cominciò a cercarla. La cercò ansiosamente e tristemente, giorno e notte, per mari e per monti. Ma nessuno fu in grado di aiutarla. Quando Elio, il sole, le rivelò la verità, Demetra divenne talmente furiosa da abbandonare il suo posto ed i suoi doveri sull’Olimpo e, travestendosi da vecchia, andò a servizio da Celeo, re d’Eleusi. Mentre ella si trovava ad Eleusi, la terra s’inaridì, le gemme appassirono, nessun albero fiorì o diede frutti, e l’Umanità soffrì la fame. Fu allora, che Zeus ordinino ad Ade di rimandare Persefone a casa, poiché Demetra fece in modo che dalla terra non nascesse più neanche un chicco di grano. Ade obbedì, ma prima di rinviare sua moglie sulla terra, fece in modo che ella ingoiasse un seme di melagrana; abbastanza da legarla al mondo sotterraneo per sempre. Quindi, il contratto doveva essere stipulato direttamente con Ade: per otto mesi l’anno, Persefone poteva vivere sulla terra con sua madre e, per gli altri quattro, sarebbe restata nell’Ade, con suo marito. Demetra fu d’accordo, ed in breve, i campi si riempirono di grano, le piante rifiorirono, la terra divenne un tappeto di fiori, e gli alberi si riempirono di frutti. Fin d’allora, tutto è verde e fertile per otto mesi l’anno. Ma per i quattro mesi, durante i quali Demetra perde sua figlia, è come se la natura fosse morta. E’ l’inverno, preceduto dalla malinconia dell’autunno.

Demetra in una simbolica iniziazione di Trittolemo, donandogli la dorata spiga di grano. Al suo fianco, Poseidone con una torcia accesa. (440-430 a.C., Atene, Museo Archeologico).

Demetra in una simbolica iniziazione di Trittolemo, donandogli la dorata spiga di grano. Al suo fianco, Poseidone con una torcia accesa. (440-430 a.C., Atene, Museo Archeologico).

La Dea Demetra

Durante il suo soggiorno a Eleusi, dove rivelò la sua vera identità, insegnò a Trittolemo, figlio del re Celeo, la coltivazione del grano e fece in modo che lui rivelasse, al mondo allora conosciuto, questo segreto. I simboli di Demetra erano la spiga di grano, il narciso ed il papavero, mentre l’uccello da lei preferito era la gru.

Demetra – Foto: web

I Misteri Eleusini

Prima di lasciare Eleusi, Demetra insegnò al re il modo in cui si sarebbe dovuto onorarla. Solo pochi iniziati potevano partecipare ai Misteri Eleusini, che vennero tenuti segreti al resto del mondo. Coloro che avevano la fortuna di essere iniziati, venivano considerati come quelli che avrebbero avuto migliori prospettive quando sarebbe arrivato il loro momento di passare nel mondo sotterraneo. Oltre ai grandi Misteri Eleusini, celebrati in Eleusi, in onore di Demetra, vi erano anche i piccoli Misteri, con rituali che venivano celebrati in Atene.

Da thule-italia.com/wordpress/archives/7631

Foto :web

 

2 thoughts on “I MITI GRECI – Demetra e la nascita delle stagioni

  1. terry olmeda

    SI….mi ha molto colpita!una storia che fa molto riflettere,se pensiamo alla nostra grande MADRE TERRA.

    Reply

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie