Il ponte di ferro

Domenico Giannotti al Ponte di Ferro

Diceva Alfred Korzybski, un polacco che ha indagato i limiti della conoscenza umana, che “La mappa non è il territorio e il nome non è la cosa designata”.

Come dire: attenzione,  le parole che usiamo sono segni che solo approssimativamente riconducono alla cosa significata. I nostri pensieri, il racconto che noi facciamo del mondo, sono i nostri pensieri, il nostro modo di vedere il mondo. Sono la mappa.

La realtà, il territorio, il mondo è tutta un’altra cosa.

Eppure le parole a volte conservano tracce della loro origine

Per esempio i cognomi. Molti hanno avuto origine da caratteristiche fisiche: Gobbo, Mancino, Destro, Grasso, Zoppo, Piccolo, ecc. Altri da mestieri: Fabbri, Muratori, Sarti, ecc.. Altri da luoghi: Napoli, Ferrara, Milano, Montagna, Silvestri (dal latino silva = bosco) , Cosentino, Campagna, Laino, ecc.

Anche i nomi di luoghi portano con sé qualche caratteristica della località designata. Qualche esempio: Petrosa, Mancosa, Laccata (dal latino lacus = lago), Olivaro, Suvarita, ecc.

Oggi, un giovane di Orsomarso non sa spiegarsi come mai un certo luogo del suo paese viene indicato come Turricedda, un altro come Ponte ri firro, un altro ancora come Camposanto vicchio o Donnasita.

Bisogna andare indietro nel tempo. E la spiegazione si trova.

Questa foto mostra perché quella determinata località di Orsomarso viene chiamata Ponte ri Firro.

Tagged

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie