Origine dei cognomi: PANEBIANCO

Pane ancora in forno

Pane ancora in forno


PANE

VARIANTI: Pani; Lo Pane o Lopane.

ALTERATI: Panétti, Panèllo e Panèlli, Panétta e Panétto, Panòzzo.

COMPOSTI: Panebiànco, Pambiànco e Pambiànchi (con bianco); Pancaldo e Pancaldi (con caldo); Pancòtto (con còtto); v. anche Pampuri.

Diffuso nel Sud, specialmente nel Napoletano, per Pane (con Lo Pane o Lopane prev. pugliese) e per la maggior parte degli alterati e dei composti (ma Pancaldi è prev. emiliano): la forma Pani, invece, è specifica della Sardegna meridionale, anche se sporadicamente presente nel Sud e nel Centro.

 Alla base è il nome e soprannome medioevale Pane (con i vari alterati e composti), formato da pane (ma pani in sardo campidanese e in dialetti dell’estremo Sud) “pane”, nel significato figurato di “cosa buona per eccellenza” (v. la locuzione “buono come il pane”), o come nome di mestiere, cioè “fornaio, panettiere”.

 Da “Cognomi d’Italia” di E. De Felice

Foto web

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie