La Costituzione secondo la P2. TUTTO FATTO, mancano solo dettagli…

gel

La Loggia massonica criminale Propaganda Due, meglio nota come P2, fondata da Licio Gelli nel 1976, e che aveva tra i suoi esponenti Silvio Berlusconi, aveva ideato un piano di smantellamento della Costituzione italiana con l’obiettivo di sovvertire l’ordine costituito.

Il progetto massonico criminale, rinvenuto nella valigia della figlia di Licio Gelli nel 1982, fu denominato “Rinascita Democratica”.

L’uso fuorviante dell’aggettivo “Democratica” serviva a far intendere che in alcun modo si doveva passare attraverso azioni di forza ma il programma piduista doveva penetrare gradualmente, utilizzando le stesse istituzioni democratiche che doveva neutralizzare.In sintesi una operazione di totalitarismo legale.

Dal 1982 ad oggi possiamo dire che quasi tutti gli obiettivi della P2 si sono realizzati:

1) I partiti politici dovevano scomparire per lasciare spazio alla “nascita di due movimenti: l’uno, sulla sinistra a cavallo fra PSI-PSDI-PRI-Liberali di sinistra e DC di sinistra, e l’altro sulla destra a cavallo fra DC conservatori, liberali, e democratici della Destra Nazionale”.
2) Dovevano essere “acquisiti” alcuni giornalisti importanti, uno almeno per ogni testata, e dovevano essere pagati per creare una opinione pubblica favorevole ai politici prescelti per portare avanti il piano piduista.
3) Dopo aver “acquisito” i giornalisti si dovevano “acquisire” le testate giornalistiche eliminando, in ogni modo, tutte le testate indipendenti e non allineate.
4) Le testate provinciali e locali dovevano essere coordinate in un’unica agenzia centralizzata.
5) Si doveva smantellare la RAI e favorire la concentrazione monopolista della TV in mani private.
6) Occorreva rompere l’unitarietà sindacale neutralizzando la rappresentatività nazionale in favore di deboli e inutili rappresentanze nei singoli consigli di fabbrica.
7) La decretazione d’urgenza doveva prevalere sulla legislazione parlamentare esautorando, di fatto, la centralità del Parlamento.


Quanto sinora elencato è stato realizzato.

Mancano ancora alcuni obiettivi fondamentali:

1) La separazione dei Pubblici Ministeri dalla magistratura giudicante, attraverso la separazione delle carriere e la formazione di due distinti Consigli Superiori della Magistratura, posti sotto il controllo del Parlamento.
2) La riduzione della durata della Presidenza della Repubblica a 5 anni;
3) La riduzione del numero dei deputati e del numero dei senatori.
4) La riforma dello Stato in senso “presidenzialista”.

Non è più sufficiente chiedersi se una qualsiasi riforma si ponga o meno in contrasto con la nostra Costituzione.

E’ necessario chiedersi se si ponga in attuazione del programma criminale della loggia massonica P2.

www.democrazia-atea.it

Foto web

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Commenti recenti

Archivi

Categorie