IN ITALIA – Negli ultimi anni è aumentata sensibilmente la superficie boschiva, che sfiora gli 11 milioni di ettari. Un patrimonio enorme dal punto di vista ambientale ed economico, che non riusciamo ancora valorizzare. Siamo i primi importatori mondiali di legna da ardere!

PARCO DEL POLLINO  - Schiena di Rossale

PARCO DEL POLLINO – Schiena di Rossale


I boschi in Italia abbondano, potrebbero dare energia, lavoro a migliaia di persone, contribuendo alla sicurezza dei sistemi idrogeologici. Secondo la Coldiretti negli ultimi 20 anni il bosco italiano è aumentato del 20 per cento ed  oggi la stima provvisoria della superficie forestale complessiva, comprensiva delle altre terre boscate (arbusteti, boscaglie e formazioni rade) è pari al valore record di 10,9 milioni di ettari, ben il 35 per cento del territorio nazionale. I dati provengono dal terzo Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio elaborato dal Corpo forestale dello Stato nel sottolineare che il vero pericolo per il bosco è l’abbandono e l’incuria e non certo i vigneti che svolgono invece una funzione drenante. Sulla base dei dati Istat negli ultimi 20 anni si è infatti dimezzata – sottolinea la Coldiretti – la superficie di bosco di proprietà delle aziende agricole che hanno dovuto chiudere per la mancanza di concrete opportunità economiche e sociali e non c’è dunque piu’ chi svolge attività di custodia, di valorizzazione, di protezione e di sorveglianza del bosco. E’ questa una delle ragioni della fragilità del territorio italiano dove ogni giorno – stima la Coldiretti – viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che vengono abbandonati o occupati dal cemento con l’aumento della superficie impermeabilizzata soprattutto nei centri urbani. E’ il risultato di un modello di sviluppo sbagliato che – precisa la Coldiretti – ha tagliato del 15 per cento le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni ben 2,15 milioni di ettari di terra coltivata. Ed oggi in Italia sono ben 6633 i comuni in cui sono presenti aree a rischio idrogeologico (l’82% del totale) con più di 5 milioni di cittadini che ogni giorno vivono o lavorano in aree considerate pericolose per frane ed alluvioni, soprattutto in una situazione in cui si moltiplicano gli eventi estremi e catastrofici per effetto dei cambiamenti climatici con la piu’ elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense con vere e proprie bombe d’acqua.  Per difendere il territorio occorre – sottolinea la Coldiretti – creare le condizioni affinché si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di sorveglianza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli.

PARCO DEL POLLINO   -  Schiena di Rossale

PARCO DEL POLLINO – Schiena di Rossale


Un punto di partenza importante per il bosco è l’utilizzo efficiente della biomassa legnosa dal quale si possono conseguire risultati importanti come la valorizzazione della risorsa forestale, la tutela attiva del bosco contro gli incendi e a prevenzione di frane e alluvioni ma anche l’utilizzo di tecnologie e di capacità industriali italiane. L’Italia – conclude la Coldiretti – con un aumento record del 25 per cento delle importazioni di legna da ardere (pellets, ecc.) nel 2013 rispetto all’anno precedente per un totale di ben 3,8 miliardi di chili di legna in un anno è diventato il primo importatore mondiale.

di Dario Scacciavento

FONTE  :  http://www.aamterranuova.it/Ambiente/In-Italia-20-di-boschi-in-piu.-Ma-non-li-sappiamo-gestire#.U-SWpeZyjdQ.faceb

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie