Ci sono sempre, in ciascuno di noi, queste due persone: quella che resta e quella che se ne va.

dd

 

 

Ma io sono quella che va via, sempre. La prima volta fu la più silenziosa.

Non parlai, né risposi a coloro che immobili mi salutavano

con il lieve fruscio dei sari mossi dal vento.

(…)

Io sono quella che va via sempre.

Talvolta mi chiedono se sto cercando un posto

in cui l’anima smetterà di vagare.

Un posto in cui fermarmi senza più desiderio di partire.

Chissà.

La gioia è forse potere sempre partire.

Eppure non ho mai lasciato la mia casa.

Me la sono portata via con me – qui, nell’oscurità 

del mio essere. Se tornassi indietro, 

non troverei

in nessun luogo quella prima casa, là fuori in quella terra-madre.

Non ci permisero di prendere molto ma riuscii a nascondere

la mia casa dietro al cuore.

Orsomarso

Guarda la spiaggia vuota ora al crepuscolo – non c’è sole a indorare le onde,

non c’è luna ad avvolgerle in riflessi d’argento –

guarda l’oscurità che si insinua quando il mare è senza maschera

non è più così bello.

Ora il vento cessa di soffiare a vuoto – mentre la terra chiama

la casa chiama

torna, torna –

Sono quella che va via, sempre. Perché devo –  con la mia casa intatta

che sempre cambia così che le finestre non si intonano più con le porte – i colori

si scontrano in giardino –

e l’oceano abita in camera da letto. 

Sono quella che va via, sempre, via con la sua casa che può solo restarmi dentro

il sangue – la mia casa che non trova posto in nessuna geografia.

 

Di Eleanor Wilner

Foto  e testo dal web

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie