LA LEGGENDA DEL VINO DI CALABRIA

 

Ci fu un tempo remoto in cui la vite era una semplice pianta ornamentale: non produceva né fiori né tanto meno frutti.

Venne la primavera e il contadino decise di tagliarla:

«Questa pianta dà ombra ai seminati – disse -, la ridurrò più piccola che sia possibile».

Detto fatto: il contadino la potò così energicamente che della verde pianta non rimasero che pochi rami nudi e corti.

La vite pianse. Un usignolo ebbe pietà di lei:

«Non piangere – disse – io canterò per te e le stelle si muoveranno a compassione».

ven1

Volò sui poveri rami tronchi, vi si afferrò con le zampette e, giunta la notte, cominciò a cantare tanto dolcemente che la vite si sentì via via rinascere. Per dieci notti, le note trillanti salirono verso le stelle, finché esse si commossero e fecero discendere un po’ della loro forza sulla povera pianta mutilata. Allora la vite sentì scorrere in sé una linfa nuova; i suoi nodi si gonfiarono, le sue gemme si aprirono. I primi pàmpini verdi fremettero alla brezza e tenui riccioli verdi, i viticci, si allungarono per avvolgersi come una delicata carezza intorno alle zampine dell’uccellino.

Quando l’usignolo volò via, già gli acini del primo racimolo cominciavano a dorarsi alla luce dell’alba. La vite era diventata una pianta fruttifera.

E che pianta!

Il suo frutto possedeva la forza delle stelle, la dolcezza del canto dell’usignolo, la luminosa letizia delle notti estive.

FONTE: CalabriaOnLine

Nella foto Gina Grimone con il papà, Giuseppe, e Lucia di Federico

Foto 2: RETE

Tagged , ,

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie