Erbe, ortaggi e la luna: quando raccogliere, fare scorta, immagazzinare?

raccogliere1

 

Fate una prova: tagliate a metà una mela con il coltello e lasciatela riposare in casa a temperatura ambiente, con la parte interna rivolta verso l’alto. Fatelo due volte, una un giorno prima del novilunio e la seconda uno prima del plenilunio.

Osservate cosa succede della parte interna della mela. Questa esperienza fatta in prima persona vi spiegherà molto sulla forza della luna in molti campi della vita, per esempio anche nelle attività di raccolta e immagazzinamento.

A che cosa serve tutta la cura che mettiamo nel piantare, seminare e curare le nostre piante quando parassiti, muffe o batteri rendono vana ogni fatica?

Da tempo immemorabile l’uomo, per immagazzinare i prodotti di orti, campi e boschi, è ricorso a sistemi che li rendessero conservabili a lungo in modo da superare i duri inverni: fermentare, mettere sotto sale, affumicare, cuocere, fare arrosto, seccare, raffreddare e molti altri. Ma soprattutto: aspettare il momento giusto per raccogliere i prodotti e conservarli. .

Spesso, malgrado si siano rispettati gli stessi criteri di pulizia, le attività di immagazzinaggio e conservazione danno risultati estremamente diversi tra loro. L’esempio migliore: quasi ogni casalinga sa per esperienza che a volte la marmellata aperta va a male dopo poco tempo, ma altre volte compare per settimane sul tavolo della nostra colazione senza perdere nulla del suo sapore originario.

Anche se chiusa ermeticamente, la frutta in conserva o la marmellata fatta in casa dura più o meno a lungo. Chi ascolterà le regole per raccogliere e immagazzinare i prodotti troverà la soluzione del mistero.

 

Le regole per raccogliere, fare scorta e immagazzinare

Il momento migliore:

con la luna calante in ariete, leone e sagittario. Per raccogliere e immagazzinare cereali, verdure e patate i giorni dell’ariete sono i più indicati,

 

 

Si può fate:

con la luna calante, purché non in cancro, vergine e pesci.

 

Da evitare:

con la luna crescente e con quella calante in cancro, vergine e pesci.

 

Il momento peggiore:

con la luna crescente in cancro, vergine e pesci.

 

Se aspetterete il momento migliore: frutta e verdura restano più succose. Il  succo presente al momento della raccolta rimane e offre le migliori premesse per un buon gusto e una buona conservabilità.

La buccia ha cura di separare il frutto in modo che uno solo marcio non «contagi» tutti gli altri.

Se sceglierete il momento peggiore: vi è il rischio di putrefazione, e tutto diventa presto sciapo. I giorni da evitare assolutamente per le operazioni di raccolta e immagazzinaggio sono quelli della vergine. I prodotti in conserva, per esempio, tendono facilmente ad ammuffire. Quello che viene raccolto in un momento sfavorevole andrebbe consumato subito.

Consigli particolari: frutta, verdura e erbe da seccare andrebbero raccolte sempre con la luna calante. Anche gli scaffali dove riporre la frutta vanno puliti solo con la luna calante (in un segno d’aria o di fuoco). Questo la manterrà asciutta ed eviterà inoltre la formazione di muffa.

 

 

Fonte: IL DIZIONARIO DELLA LUNA di Paungger  –  Poppe, Tea edizioni

Tagged

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie