CANTI POPOLARI – “Rosa russa”

 

Si sa, i percorsi dell’amore sono imprevedibili: giardini ameni, brughiere, montagne faticose …

A volte s’interrompono bruscamente, e persino la bussola fatica per ritrovare l’orientamento. Il dopo è aspro, a volte acido; raramente mantiene l’antico sapore che addolciva il tempo e le cose.

Nell’aspro del dopo nascevano, nel mondo contadino, le “canzoni di sdegno”. Erano invettive che l’innamorato deluso rivolgeva all’antica stella del mattino.

 

CANZONE DI SDEGNO

Rosa russa

 

O rosa russa, comi sculuristi!

Mi para ca ti manca

L’acqua a li peri.

 

J’erisi  funtana ri li rosi frischi

A du vulijini vivi

Conti e cavaliri.

 

Mo rivintasti funtana ri tutti

E cunca passa

Ci si lava li peri.

 

 

Dalla memoria di Manlio Forestieri

 

Foto: donne che lavano al fosso del mulino  di Santo Linardo

Tagged , ,

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie