Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Le culinuciole, ovvero LE LUCCIOLE

 

In natura esistono dei  fenomeni affascinanti, misteriosi e curiosi , che l’uomo sa spiegare scientificamente, ma di fronte ai quali rimaniamo comunque a bocca aperta.   Le lucciole sono uno di questi.   Piccoli insetti volanti che   illuminano i boschi e i campi la notte , come stelle cadute dal cielo. Ma voi sapete, veramente,  perché le lucciole si illuminano?  Andiamo con ordine.

Le lucciole (o luciole) sono dei coleotteri appartenenti alla famiglia delle Lampyridae .

Sono una specie ormai in via d’estinzione nel nostro Paese, a causa della riduzione del loro habitat naturale e dell’uso intensivo di pesticidi in agricoltura . Per fortuna,  in altre aree dell’Europa Centro-Meridionale e ai Tropici le lucciole se la passano meglio.

Questa specie presenta una grande differenza tra il maschio e la femmina . Il maschio è dotato di ali forti e spesse  ed è di colore bruno-giallastro, mentre la femmina rimane tutta la vita a uno stato larvale , con ali piccole e deboli che non le permettono di volare ed è di colore bruno-rosato.

Entrambi i sessi sono dotati degli organi luminescenti , ma la femmina può emettere luce per più di due ore, mentre il maschio solo per brevi istanti.

Per conoscere altre notizie sulle simpatiche lucciole   leggi la Grande Enciclopedia degli Animali

Perché le lucciole si illuminano?

La luce emessa da questi insetti serve per la riproduzione: maschi e femmine si “chiamano”, si attirano nel buio per accoppiarsi. Il periodo di accoppiamento avviene nei mesi di giugno e luglio, di solito tra le 22 e mezzanotte.  Quindi, per vederle, dovete andare in un prato di campagna in una notte estiva!  La luce emessa è di un bel verde brillante. Le femmine aspettano con la loro pancina illuminata i maschi anche per due ore: se non arriva nessuno, si ritirano nel loro nascondiglio e ci riprovano la notte successiva. Questo rito si può ripetere per 10 notti consecutive, poi di solito hanno fortuna e si accoppiano.

Come fanno le lucciole a illuminarsi?

Quello che permette a questa specie di insetti di illuminarsi è un fenomeno chiamato bioluminescenza : ossia un processo chimico complicato grazie al quale  alcune molecole  si muovono velocissime e producono un’energia che a sua volta si trasforma in luce. Nelle lucciole, la  bioluminescenza  è causata dall’ azione di due composti chimici: la “luciferina” , un composto organico che emette luce, e  la “luciferasi” , un enzima catalizzatore (ossia un composto che facilita la reazione chimica). In pratica la luciferina, in presenza di ATP  (adenosintrifosfato), di magnesio e dell’enzima luciferasi,  cede elettroni  i quali, passando a un livello minore di energia, liberano quella in eccesso sotto forma di luce dal colore verde-giallastro.

Ecco spiegato scientificamente come è possibile che le lucciole emettano luce durante la notte, anche se  è sempre romantico pensare che siano polvere di stelle…  non credete anche voi?

 

Curiosità sulle lucciole

La luce emessa dalle lucciole è una luce fredda,  a differenza di quella prodotta dalle lampadine,  che si illuminano per  incandescenza e, oltre alla luce, producono anche molto calore.

Sempre a differenza delle  lampadine,  che  disperdono (in calore) il 90% dell’energia prodotta,  le lucciole ne disperdono  solo il 10%.

Le lucciole non solo gli unici esseri viventi a produrre luce . Fanno loro compagnia: alcuni tipi di  larve , di vermi, alcune  specie marine  come i  calamari, i gamberetti, le meduse  e anche alcuni pesci.  Non sono solo gli insetti o i pesci che si illuminano. Anche alcune specie di funghi lo fanno! Uno di questi è il  Chlorophos Mycena , che spunta in alcune isole del  Giappone e in alcune regioni del Brasile.

Di Redazione Focus Junio

Fonte: https://www.focusjunior.it/animali/perche-le-lucciole-fanno-luce 

Foto: RETE

Tagged , ,

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie