Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Canto di sant’Antonino

 

 

‘Mminzo a Palermo c’era nu cavaliro

ciungru iera di mani e di peri.

 

Na notti ni jiva ‘nsogno sant’Antonino.

 

“Oi giuvinu cavaliro,

quanto mi dai,

ca la saluta ti la rongu io”.

 

“O Santu mio,

palazzo tuttu ‘ntero,

e dinari quanti ni voi”.

 

“Nu bogghju ni palazzi e ni dinari,

quiddo chi dico a tija, tu l’haja fari:

c’è n’orfanella e tu l’haja sposari”.

 

E la matina, quannu ha fatto jurno:

 

“Oh mamma bella,

stanotti fici nu gran sogno,

a un’orfanella mi devo sposare”.

 

“Figlio, li ‘nsogni  non si poni crere,

ci sono chiù buscie che verità”.

 

Pigghiajni carrozze e carrozzine

E jivini alla chiesa ri sant’Antonino.

L’orfanella stava ‘mmucca alla porta

a piangere tutta la sua fortuna.

 

“Citto, orfanella mia, non ti lagnari,

che la fortuna tuja j’è ‘nanti alla porta”.

 

“Ma io, gran Santo mio, che voglio fare?

Io trovo nu marito quanno moru”.

 

La porta ri la chiesa si sbannaja

E l’ura ri lu distino s’abbiraja.

Lu cavaliro trasa e sabbicina

e l’orfanella, ch’era sula, si spusaja.

 

 

 

(Dalla voce di mia madre)

 

Nella foto la processione di sant’Antonio in Piazza Municipio. Dedicatele qualche minuto: a dx la bottega di mastro Ciccio, u trappito e …

 

 

 

 

 

 

 

 

Tagged ,

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie