Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

GENNAIO – I proverbi del mese

«Di gennaio e febbraio metti il tabarro; di marzo ogni matto vada scalzo; d’aprile non ti scoprire; di maggio vai adagio; di giugno levati il cuticugno e se non ti pare tornalo a infilare; di luglio vai ignudo» ammonisce un proverbio al quale fa eco un altro: «Nei mesi errati non seder sui prati». Anche troppo prudente poiché il primo mese con la erre è addirittura settembre e l’ultimo è aprile! Gennaio tuttavia erre non ne ha, obietterà qualche lettore. È vero per quanto riguarda la nostra lingua, ma il proverbio è la traduzione letterale di uno latino dove lanuarius ha la erre.

Un mese freddo dunque; con un periodo addirittura gelido. Quale? Le opinioni divergono, così come il freddo colpisce in giorni diversi secondo gli anni. «Sant’Antonio, la gran freddura; San Lorenzo, la gran calura; l’una e l’altra poco dura» sentenzia un proverbio presupponendo che si sappia che il primo santo è festeggiato il 17 gennaio e il secondo il 10 agosto. Dopo l’eremita egiziano il freddo dovrebbe lentamente scemare perché si dice: «II barbato, il frecciato, il mitrato, il freddo se n’è andato». Il barbato è sant’Antonio; il frecciato san Sebastiano, festeggiato il 20, che nell’iconografia è trafitto dalle frecce sebbene così non sia morto; mentre il mitrato è san Biagio che, ricordato il 3 febbraio, ha sul capo la mitra vescovile.

Ma un altro proverbio sostiene che «A San Vincenzo» che cade il 28 gennaio «l’inverno mette i denti».

Per i contadini gennaio è caratterizzato dalla stasi vegetale sicché offre poco o niente, nemmeno il sole che è freddo e spesso velato; «gennaio avaro» dicono a questo proposito. Non resta che riposarsi. I romagnoli ricordano infatti: «D’ znèr la né fa de’ sfèrz, mò int la stala u s’zóga a ‘1 chért», in gennaio la neve ostenta sfarzo, ma nella stalla si “gioca a carte.

In ogni modo il maltempo è manna per il futuro raccolto perché «Se nevica in gennaio si riempie il granaio», cui fa eco: «Guardati da un buon gennaio che ti farà piangere febbraio». Per il grano invece conviene un tempo buono, pur rigido, perché «Gennaio all’asciutto, grano dappertutto».

Nonostante la stagione qualche lavoro nei campi si deve pur fare perché «Chi vuole un bell’agliaio, sia piantato nel mese di gennaio». E guai a ritardare perché per ogni mese che passa, peggiora l’aglio: «Gennaio agliaio, febbraiolo agliolo, maggio agliaccio».

È anche il mese più adatto per potare le viti soprattutto a luna calante; ed è consigliabile non rinviare la potatura perché «Luna dei grappoli a gennaio, luna dei racimoli a febbraio».

Ora le galline, dopo la sosta dovuta al cambio del piumaggio, ricominciano a fare uova. «Per l’anno nuovo tutte le galline fanno l’uovo» si dice, oppure più sinteticamente: «Gennaio ovaio».

Gennaio è anche il mese che porta via tutte le feste, come ricorda il proverbio: «Epifania tutte le feste porta via; le mette in una cassa, le libera solo per Pasqua; ne libera qualcuna, San Giuseppe e la Madonna». La Madonna è la festa dell’Annunciazione, al 25 marzo, che una volta in certe città era di precetto.

 

Da Alfredo Cattabiani, LUNARIO, Oscar Mondadori

ORSOMARSO – Nevicata

Tagged , ,

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Commenti recenti

Archivi

Categorie