Orsomarso ed il suo dialetto: TURZARE, VAMMACIA, VASILICOIJE…

VAVULECE, VOMMACO, ZIMMARO, ZINNE, ZINZULU

 

Vocaboli del nostro dialetto che derivano dal greco

 Turzare

Sbattere, urtare

Potrebbe derivare dal verbo truzo emettere un suono cupo.

 

Vammácia

Ovatta di cotone.

Da bombix – vommix, filugello, baco da seta, seta, o, più probabilmente, da una forma bizantina bambáchion.

Nei secoli passati, e fino a qualche decennio fa, Sant’Arcangelo era noto per una pregiata qualità di cotone. Ecco cosa scriveva, in proposito, alla fine del sec. XVIII, G. Antonini: S. Arcangelo; paese numeroso di gente, e ricco, non solamente perché i suoi terreni feracissimi danno motivo a’ paesani, gente industriosa, di farvi copiose semine, ma più per la gran quantità di Bombagia, che vi si raccoglie, la quale è fra le migliori della Regione…

 

Vasilicóije

Basilico.

Da basilicòn quasi “erba da re”. La parola è anche della lingua italiana.

 

Vavulece

Chiocciola.

Da búbalos, bufalo, più un suffisso diminutivo, quasi per dire “piccolo bufalo”.

Il nome è certamente di origine scherzosa in riferimento alle corna della chiocciola.

 

Vómmaco

Il calabrone.

Da bómbix, baco da seta, perché forma, intorno al buco in cui si infila, una specie di rivestitura morbida come di seta.

 

Zimmaro

Il caprone, il becco.

Da chimaros. Da notare che, a volte, la consonante X dinanzi a vocale si muta in z.

 

Zinne

Piccolo.

Dalla parola tinnòs.

Il vocabolo è usato sia come aggettivo (es. ‘na cosa zinna = una cosa piccola) sia come nome sostantivo (es. ‘u zinnariello = il piccolino).

Questa è una canzonetta che, nei tempi passati, si cantava a Sant’Arcangelo durante il carnevale:

I’ aggi venuto pi’ ti parlà chiare,

si tu mi daj ‘a figghite pi’ sposa…

La manma dice ca non tene panne,

l’attane dice ca jè troppe zinna;

risponne iella pi’ l’uocchi tiranne:

garofele d’ammore, siaminninne.

 

Zínzulu

Straccio.

Dal termine greco, non usato nell’antichità classica, zánzalon. Da zínzulu è derivato l’aggettivo “zinzulúsu zínzulósa, zinzularo”. Le persone di una certa età ricordano certamente, a Sant’Arcangelo, la strofetta scherzosa che, una volta, tutti i bambini del paese cantavano all’inizio della quaresima:

Quaremma zinzulosa

non ci scì pi’ ‘nanz’a porte,

ca vene Pascarella

e ti rupp’a capicella.

 

Il vocabolo è usato anche nel proverbio:

 “i zínzuli si lavano ‘nda casa”,

cioè “gli stracci, i panni sporchi, si lavano in casa”.

E questa è una strofe della più volte citata poesia di V. Padula: La notte di Natale (109):

Niuru comu ‘na mappina

‘u ciel’era e spernuzzati

cumu zinzuli ‘e cucina,

jianu’i nuvi spaventati

e lu scuru a fella a fella

si facia cu’ li curtella.

 

Tutto il materiale che trovate in questa “categoria” è frutto del lavoro e dell’intelligenza di don Luigi Branco, un prete di Sant’Arcangelo di Lucania.

Io mi sono limitato a prendere ed integrare quanto serve a spiegare l’origine greca di alcuni vocaboli del dialetto orsomarsese.

A don Luigi ed ai giovani che l’aiutano nel suo lavoro tutta la mia gratitudine.

Nota: le parole greche sono scritte in caratteri latini.

 

Foto: ragazzi in compagnia di Angelo Russo in Piazza Municipio

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie