Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Zi’ Federico

 

Arredo e gesti sono lo specchio di un’epoca.

La mattra per fare il pane, u sitazzo appeso al muro, la cesta che pende dal soffitto per conservare al sicuro alimenti, e il piacere di stare assieme e gustarsi un bicchiere di vino.

Siamo in casa Cersosimo.

Il vecchietto a sinistra è Federico Salviati, per tutti zi’ Firirico. Faceva il sacrestano ed il banditore. Con l’aiuto di una piccola tromba dal suono caratteristico, girava il paese per annunciare disposizioni del Comune o l’arrivo di un ambulante (“A Chiazza è arrivato nu cammio chi patane a tanto u chilo”). Il mondo contadino degli anni Cinquanta e Sessanta, povero di novità e “terremoti”, lo faceva essere personaggio. Il suono della sua tromba catturava l’attenzione e spingeva a correre alla finestra o sull’uscio.

Gli altri signori sono (a cominciare da dx): Palmira, Angelo, Mario, Francesco con i figli Antonio e  Filomena, e Marietta, moglie di Angelo.

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie