Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Ninna nonna

 

Un tempo era spettacolo frequente e dolcissimo: dondolandosi su una sedia una donna cullava il suo bambino, cantando una ninna nanna per farlo addormentare.

Mi piacerebbe raccogliere un po’ di queste ninne nanne. Raccontano qualcosa del nostro passato. Se ne sapete qualcuna vi sarei grato se la mandaste a orsomarsoblues1@tiscali.it.

Ve ne trascrivo una.

 

NINNA NONNA

Luna luna nova

nu t’agghju visto ancora

e mò chi t’agghju visto

sutta alli peri ri san Francisco

san Francisco e la Nunziata

tutti l’angiuli su turnati.

È turnata Margarita

cu na bella vesta ri sita.

Alla cummara ni piacia lu bunu,

u malanno jissa sutt’acqua.

Cummara mia, jamo a l’acqua.

Pi ji a l’acqua chi bia facimu?

Pigghjamu a vecchia ca canuscimo;

megghjo a vecchia ca quidda nova.

Cummara mia, veni mi trova;

nu mi truvà ‘mminzo alla chiazza,

ma cu n’angilo ‘mbrazzo.

Dorma e si ‘nzonna stu criaturo,

j’è n’angiuliddo ri nostro Signuro.

 

 

Nella foto vedete Antonietta con il nipote Samuele

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie