Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

LUGLIO: i proverbi del mese

 

Fino al 44 a.C., a Roma luglio si chiamò Quintilis, quinto mese, nome ereditato dal calendario arcaico di Remolo che; secondo la tradizione, sarebbe stato composto soltanto di dieci mesi.  Poi in onore del dittatore Giulio Cesare, riferisce Macrobio, «su proposta del console Marco Antonio, figlio di Marco, fu. chiamato Iuilius (Giulio) poiché Giulio Cesare nacque in questo mese, nel quarto giorno prima delle Idi di Quintile».2 Il latino Iulius fu pòi tradotto nell’italiano luglio grazie a un caso particolare di passaggio dalla i alla elle per assimilazione. . . .

Ormai con questo mese il caldo è arrivato e non c’è pericolo di infreddature sicché la lunga filastrocca – «Aprile.non-ti scoprire, maggio vai adagio, di giugno levati il cuticugno e se non ti pare tornalo a infilare» – si conclude con «… e di luglio vattene ignudo».

Una volta in campagna si diceva che l’estate era una benedizione per i più miseri perché non dovevano più soffrire il freddo e trovavano più facilmente cibo. Un proverbio rammentava, infatti: «L’estate è la mamma dei poveri». Oggi, invece, per i più sfortunati che abitano nelle metropoli anche l’estate è matrigna a causa dell’afa e dell’inquinamento.

Se le campagne traboccano di frutta e di verdura, il mare invece sotto il solleone è più avaro, come ricorda il proverbio: «Nel luglio è ricca la terra ma povero il mare». Luglio è anche tempo di succosi e dolci meloni perché si dice: «San Giacomo dei meloni, San Luca delle nespole, San Martin dei imbriagoni». San Giacomo cade infatti il 25 luglio, San Luca il 18 ottobre e San Martino l’11 novembre.

In questo periodo i contadini seminano le rape dicendo: «Chi vuoleun buon rapaglio lo semini di luglio».

Dopo  la raccolta del grano, o di un altro cereale si rompono infatti le stoppie con la semina delle rape che si raccolgono in inverno servono non solo per alimento agli uomini ma anche per foraggio alle bestie quando manca l’erba.

Quello di luglio è tempo secco con rare piogge sicché i contadini sperano che non si smentisca il proverbio: «Santa Maddalena l’acqua se la mena». E Santa Maddalena cade il 22 luglio. Quattro giorni dopo è la volta di Sant’Anna, una data pare molto importante perché si dice che «se piove per Sant’Anna l’acqua diventa manna».

In estate c’è anche un proverbio per i mariti: «Giugno, luglio, agosto, moglie mia stammi discosto». Si sostiene infatti che il troppo caldo renda fiacchi i mariti e poco disposti all’amore coniugale.

O sarà una scusa per dedicarsi con più lena ad altri amori?

Di Alfredo Cattabiani, LUNARIO, Mondadori

 

Foto RETE

 

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Commenti recenti

Archivi

Categorie