Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Saverio Strati racconta -LETTERA DI UN PADRE AL FIGLIO

 

 

Di mio padre avevo paura, quand’era presente; ma ora che era lontano non avevo per niente paura, ma rispetto, grande. Non so poi se fosse proprio rispetto, se è giusto dire rispetto: desideravo che mio padre fosse contento di me, ecco. Ci tenevo a essere il più bravo della scuola, perché mio padre se ne potesse vantare, perché lo raccontasse ai suoi compagni di lavoro, ai suoi compagni di baracca.

Ci scriveva lunghe lettere e ci raccontava tutto di sé; e pretendeva che io gli rispondessi e gli raccontassi tutto di me. Che facevo di bello? mi domandava a tu per tu in un brano di lettera tutto dedicato a me.

Benedetto figlio, cominciava, ho detto alla mamma tutte le cose, che tu ormai puoi leggere da te. Ora mi rivolgo a te in persona, da uomo a uomo, per dirti che io ti penso, che qualche notte mi accade di sognarti. Ieri notte infatti ti ho sognato: mi pareva che tu fossi un signorone con gli occhiali e il cappello, con la borsa di pelle, e sentivo che gli altri ti chiamavano ingegnere. La mia gioia è stata così stragrande, che mi sono svegliato. Avevo il cuore contento; mi sentivo leggero, in pace, e mi son detto: con l’aiuto di Dio, se non mi ammalo, se non mi accade niente di grave, lavorerò e manterrò mio figlio all’università. Tu che ne pensi? Ti senti il coraggio di arrivare all’università? Che gioia sarebbe per tuo padre!

Qua, bello mio, si lavora tanto e si vive alla meglio. Un giorno ti racconterò a lungo come si vive fra questi stranieri che ci trattano come noi trattiamo gli asini. Ci permettono di lavorare, ci pagano, e basta. Loro a casa loro e noi fra noi in baracca, come se noi non fossimo uomini, come se non fossimo in grado di capirli; come se loro non avessero niente da imparare e da sapere di noi. È terribile, figlio mio, come gli uomini stanno divisi fra loro! Come se non fossimo cristiani che pregano Cristo. No, così non va. Ma un giorno lo capirai da te.

È  durissimo vivere qua, non credere; ma il lavoro non manca e il lavoro porta moneta, che ci permette di vivere. Anche i nostri dovrebbero svegliarsi e creare lavoro; ma non lo fanno. Non ci amano. Amano solo il portafogli pieno di carte da centomila e di essere riveriti. Nient’ altro amano: né l’uomo, né Dio.

Stando qua mi diventa chiaro quanto t’ho appena scritto. Il clima è diverso. Anche ora che è estate il cielo è nuvoloso. D’inverno fa molto freddo. Anche dieci sotto lo zero; e la mattina bisogna levarsi presto e correre al lavoro. Buio quando esci e buio quando rientri in baracca. La. chiamiamo baracca, ma non è proprio una baracca. Un giorno te ne renderai conto da te. Un giorno forse ti farò venire su, così ti abituerai a conoscere a capire il mondo. Ti racconto queste cose, caro mio, in modo che tu incominci a renderti conto che la vita non è rose e fiori e in modo che tu apra davvero gli occhi e vada a scuola per imparare cose che io non ho potuto imparare, in modo che tu diventi un uomo più avanzato di tuo padre, com’è giusto e santo.

Scrivimi e raccontami cosa fai. Ogni volta che leggo quello che mi scrivi ho l’impressione di sentire la tua voce e non raramente mi viene da piangere: non so  se dalla gioia o dal dolore, È da bestie vivere lontani dai figli. Nessuno può immaginare quanto sia doloroso vivere lontano dai propri figli.

Da TERRA DI EMIGRANTI, di Saverio Strati, Salani

Foto RETE

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie