Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Ji m’addormu e m’addurmissi

 

Ji m’addormu e m’addurmissi,

l’anima mia la roncu a Cristu,

 

e a Cristu a alli santi,

Gloria Patri, Figghju e Spiritu Santu.

 

A capu mija c’è san Paulu,

alli peri santu Micheli.

 

A littu mija m’agghju curcatu,

e cincu angiuli ci agghju truvatu:

 

ruji a peri e ruji a capu.

‘Mminzu alla casa l’angiulu spasu,

 

‘mmucca alla porta l’angiulu forte,

‘mminza alla via la Vergini Maria.

 

Bonanotti, Maronna mia,

guardimi la notti quannu rormu,

 

e lu jurnu quannu vagu pi la via,

a mia e a tutta la cumpagnia.

 

 

Questa preghiera la devo alla cortesia di Giovanni Spinicci.

Lo ringrazio.

 

ORSOMARSO – L’arrivo della corriera. 

Ad alcuni di voi questa foto riporterà alla coscienza tanti ricordi, perchè la corriera (o pustale) era una porta verso il mondo.

Se vi va, raccontateli, così da farli diventare un patrimonio condiviso. 

 

 

 

2 thoughts on “Ji m’addormu e m’addurmissi

  1. Vincenzo Bloise

    La Corriera.
    Era il mezzo che ci apriva al mondo; era l’attesa della notizia, delle novità, del moderno.
    Era la libertà della fantasia, un non luogo che dava la possibilità di conoscere la realtà.
    Era la tristezza della partenza ma anche la gioia e l’emozione del ritorno.
    Ora l’attesa, la riflessione sono state cancellate dalle nuove tecnologie e dalla frenesia della vita ma l’ “otium” era(è) indispensabile per crescere e vivere meglio. Un caro saluto.

    Reply
    • admin Post author

      Caro Vincenzino, hai detto in modo mirabile quello che molti pensano e sentono.

      Reply

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Commenti recenti

Archivi

Categorie