Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

Raffaele Petra – Marchese di Caccavone – ‘A CUNFESSIONE ‘E TANIELLO

 

Raffaele Petra, duca di Vastogirardi e Marchese di Caccavone, nasce a Napoli il 7 gennaio 1798 da Carlo II.
Il padre, fautore della Repubblica Partenopea del 1799, fu costretto nel 1816 ad andare in esilio con la massiccia restaurazione borbonica sotto Ferdinando I: in questo periodo Raffaele Petra si formò agli studi letterari, nel clima repressivo dell’epoca. Dotato di forte equilibrio interiore, assetato di ordine e giustizia, non condivise i moti del 1820-21, e appoggiò la monarchia, ma già nel 1825, dopo aver composto un’ode inneggiante al nuovo sovrano Francesco I, ebbe seri ripensamenti politici e sposò la causa repubblicana e liberale, anche se si mantenne fedele allo Stato come suo funzionario, in quanto Conservatore delle Ipoteche ad Avellino e Direttore del Gran Libro a Napoli.
Sposò la vedova di suo fratello Francesco, donna Rachele Ceva Grimaldi, duchessa di Caccuri, da cui ebbe quattro figli: Nicola, poi prefetto a Messina e Questore a Napoli, Marianna, Isabella e Maria. Nonostante la fama di donnaiolo, per i suoi poemetti spregiudicati, fu esemplare come marito e padre di famiglia.
Scrisse nel 1818 il “Testamento di un poeta”, poi si dedicò alla critica letteraria e teatrale, e nel 1829 è uno dei più agguerriti redatori del “Caffè del Molo”, giornale d’avanguardia, dove stigmatizza il malcostume estetico della sua epoca, troppo incline ai sentimentalismi, e sostiene la necessità di ridare dignità alla parola. Quindi, nel 1833, prese a scrivere sul “Topo”, giornale filo borbonico, ma la collaborazione si interruppe presto. Di quest’epoca è la “Culeide”, poemetto sarcastico ed umoristico, che segna la rottura del Petra con i moduli e gusti tradizionali, e i numerosi epigrammi, rimasti famosi, in cui satireggiava su nobili e clericali, sulla borghesia cinica e rapace e la monarchia borbonica.
Dopo il 1860, scomparsi i Borboni, ritorna alla novella in versi, pubblicando “Maria Faiella” nel 1866, in cui il giudizio sulla monarchia piemontese è disincantato e disilluso. Morirà a Napoli il 16 novembre 1873.

‘A CUNFESSIONE ‘E TANIELLO

Taniello, ch’ave scrupole

mo che se vo’  ‘nzurà

piglia e da fra Liborio

va pe’ se cunfessà.

– Patre – le dice – ì roseco,

e pe’  nniente me mpesto;

ma po’ rico  ‘o rusario,

e chello va pe’ cchesto…

Patre, ‘ncuollo a li femmene

campo, e ncoppa  ‘o burdello;

ma sento messe e predeche

e chesto va pe’ chello…

Jastemmo, arrobbo… ‘o prossimo

spoglio e lle dongo  ‘o riesto;

ma po’ faccio  ‘a lemmosena

e chello va pe’ chesto…

E mo, Patre, sentitela

st’urdema cannunata:

a sora vostra, Briggeta,

me l’aggio  ‘nzaponata…

Se vota fra Liborio:

– Guagliò, tu si Taniello?

ì me  ‘nzapono a mammeta,

e chesto va pe’ cchello! –

One thought on “Raffaele Petra – Marchese di Caccavone – ‘A CUNFESSIONE ‘E TANIELLO

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie