Filastrocca orsomarsese: CRESCI CRESCI SANTO

Nel tempo contadino i bambini dovevano crescere in fretta. Lo imponevano la penuria dei mezzi e le tante ore di lavoro degli adulti, spesso da “notti a notti”.

C’erano però momenti di grazia e tenerezza, soprattutto quando ci si ritrovava tutti attorno al focolare.

Ricordo mia madre che si metteva sulle ginocchia mia sorella, quand’era ancora piccolina, e la faceva dondolare, cantandole questa filastrocca. Quando arrivava agli ultimi due versi l’attirava a sé e le solleticava il petto. Era uno spettacolo dolcissimo.

Cresci cresci santo,

Jamu a Diamante.

E chi ci jamu a fari?

Jamu a biri li ziti

Chi crescini la sita;

La sita e la vammacia

Rici rici chi ti piacia.

Mi piacia ‘na gallina,

Stipamilla pi cramatina;

Cramatina nun si cammira,

Mittamilla ‘nta la cammira.

La cammira j’è chiusa.

Stipamilla ‘nta lu pirtuso

Lu pirtuso j’è fravicatu.

Mittamilla ‘nta la pignata

La pignata a ruzzulunu

E la gatta abbrancicuna.

Dalla voce di Silvia.

Foto: Maddalena Candia e Filomena Faillace con in braccio la piccola Maddalena Stabile

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie