LA SCONFITTA DI DIO

Nu jurno Dio criò Satanasso, u guardaja  ‘n faccia e ni rissa:

“Mara mija, si bruttu comi la mala sciorta! Chiù brutto ri tija nun c’è nisciuno.”

Passaja timpu, u munnu girava. I ricchi, larghi ri panza, nun ci lassavunu nenti, liccavunu puru la terra. E mittijini carne.

I povuri, sicchi comi  chiuvi, murijini ri fame. Pi ssu munnu grannu la fame s’attaccava alli carni ri sti cristi e ci lassava sulo l’ossa.

Satanasso ‘ncuntraja  nostro Signuru:

“Signuru Domineddio, hai vistu? Ti si sbagliato! Chiù brutta ri mija c’è la fame.”

Dio abbasciaja la capu e cu nu picchi ri vuci rispusa:

“Tenisi ragiuna, sta vota hai vinto tu.”

E si ni jiva ca faccia scura, comi gunu c’ha perz’a vuci.

RACCONTO POPOLARE

Per il mondo dei vinti la fame si pone come segno della sconfitta di Dio.

Foto: RETE

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie