Canti popolari – SIGNURI DIU, CHI CRIASTI LU MUNNU

Tempo fa mi sono seduto accanto ad una vecchietta. Piano piano l’ho spinta a raccontarmi del tempo contadino, quando lei era giovane e piena di vita. Aiutata da una memoria vivace, la sua lingua si è sciolta: sembrava non aspettasse altro. Il testo che segue lo devo a lei. È un po’ preghiera un po’ canzone. Si cantava soprattutto tra carnevale e la quaresima.

Contiene tutta la melanconia di chi è costretto a convivere col poco e l’amarezza per l’egoismo dei ricchi.

Signuri Diu, chi criasti lu munnu

‘nta nu mumentu chjino r’allegria,

Ascuta, mentri chi ‘ntona l’avemmaria,

La vuci stanca ri nu povuru villano.

Hai criato l’acqua, hai criato lu granu

Picchì ogni bucca avissa lu pane.

Hai criato lu mari ‘nfunnu e putente

E l’hai fatto ca tuccasse tutti li genti.

Hai criato la notte, hai criato  lu jurnu,

Cusì dopo a fatica ci fussa lu sunnu.

Hai criato lu cilu e l’hai chjino ri stille

E hai rato la notte allu cantu ri grilli.

Hai criato la gioia, hai criato lu chianto

E nu picchi li hai rati a tutti quanti.

Hai criato lu povero, hai criato lu ricco

Ma mò cu tena tanto e cu suli li zicchi.

Hai criato la pace, hai criato la guerra

E l’omo li ha sparsi pi tutta la terra.

Ma quannu fa notti e nun c’è la luna

Rorma tranquillo sulu c’ha fattu furtuna.

Pi lu povero ogni jurnu c’è  ‘na cruci

La vucca suja sicca nun tena chjù buci

Cristo j’è in cruci e j’è puru ‘nnucente

Ma ‘nsemmer’a jiddu ci su suli  pizzenti.

Signuri Diu, stasira sugno stanco,

Vulera cantà, ma la vuci mi manca.

Lu munnu c’hai criatu cu tanta allegria

Goj j’è chjino ri malincunia.

Suli i campani sonono ancora

E ancunu s’accuntenta cu n’avemmaria.

Foto RETE

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie