SILENZIO

Salendo verso la fine del paese il silenzio è così forte che si sente assai vicina la calma della nuvola

Io tornerò

Un giorno, uomo o donna, viandante,dopo, quando non vivrò,cercate qui, cercatemitra pietra e oceano,alla luce burrascosadella schiuma.Qui cercate, cercatemi,perché qui

Paese

Tre capannucce formano l’estatico villaggio; s’incrocian tre straducole sul ponticel di faggio; si cela lo scoiattolo ch’ode un bambu frusciar,

ARGUZIA CONTADINA – O vintu, chi mi trucculijisi ‘ssa porta

O vintu, chi mi trucculijisi ‘ssa porta, vatinni ca maritimu è binutu. Aiarsira t’aspittava e nu binisti, mo comi si

DALLA MIA FINESTRA

M’affaccio alla finestra, e vedo un mondo intero. C’è una casetta bianca e c’è un camino nero… C’è un pezzetto

Quando Dio sogna

La donna e l’uomo sognavano che Dio li stava sognando.Dio li sognava mentre cantava e agitava le sue maracas, avvolto

Devo per forza sperare in una generazione nuova

“La percezione del problema è chiara. Siamo una specie umana sperimentale, stiamo subendo delle aggressioni chimiche, radiazioni, che nessuna generazione

IRONIA CONTADINA

Una mosca sta comodamente poggiata sul muso di un bue, che a passo lento trascina un aratro. “Che cosa stai

E’ fatto giorno

E’ fatto giorno, siamo entrati in giuoco anche noi con i panni e le scarpe e le facce che avevamo.

IL BORGO

Fu nelle vie di questo Borgo che nuova cosa m’avvenne. Fu come un vano sospiro il desiderio improvviso d’uscire di

Archivi

Categorie