A Sijia, ovvero L’ACERO

Ad Orsomarso l’Acero viene chiamato Sijìa, da un antico vocabolo greco: ζυγία . Scrive Rohlfs: “Una lingua che ha conservato

A Murtidda, ovvero il Myrtus communis Mirto

  Il nome del mirto deriva da Mirsine, fanciulla attica che, secondo la leggenda, fu uccisa da un giovane da

U caggiu, ovvero LA ROBINIA O GAGGIA

  La Robinia pseudoacacia L., in italiano robinia o acacia, è una pianta della famiglia delle Fabaceae, dette anche Leguminose,

Populus tremula L. – Pioppo tremolo

Descrizione: Albero di piccolo-medie dimensioni, non superante i 25 m di altezza, non molto longevo nei climi caldi, con fusto per lo più

I RUPPA CANNATA, ovvero I CICLAMINI

  Il ciclamino selvatico (Cyclamen hederifolium)   non va confuso con il ciclamino dei fioristi (Cyclamen persicum), dai grandi fiori, tipica pianta

La spicaddossa, ovvero LA LAVANDA

    Lavanda, o lavandula, che suona antico, ma è sempre lei, la pianta che sarà nota quasi a tutti:

LA VINCIARRA, ovvero la Vitalba (Clematis vitalba)

  La Vitalba (Clematis vitalba) è una pianta della famiglia delle Ranuncolacee. Conosciuta in passato per le sue proprietà officinali, in determinati dosi

Scannagaddini, overo la CORONILLA EMERUS

Caprioli e capre sono ghiotti di questa pianta. In primavera spande bellezza sui fianchi delle nostre montagne.   Del perchè Scannagaddini

Geranio, elicriso e lavanda: i tre oli essenziali più efficaci per medicare le ferite e favorirne la cicatrizzazione

3 cicatrizzanti naturali che non ti aspetti Non è necessario farsi molto male: a volte sono infatti proprio le ferite

Hai mai sentito parlare dell’albero strangolatore?

 Dell’albero delle cicche? Dell’albero a testa in giù? Che ne pensi degli alberi dotati di corna, bottiglie, salsicce e corone?

Commenti recenti

Archivi

Categorie