Tutti gli articoli - Pagina 3 di 467 - Orsomarso Blues

MIA MADRE

Non sempre il tempo la beltà cancella,o la sfioran le lacrime e gli affanni;mia madre ha sessant’annie più la guardo e più mi sembra bella. Non ha un accento, un guardo, un riso, un attoche non mi tocchi dolcemente il cuore;ah, se fossi pittore,farei tutta la vita il suo ritratto! Vorrei ritrarla quando inchina il […]

Read More

Per sentieri non battuti

Per sentieri non battuti,In mezzo a quel che cresce sul bordo degli stagni,Voltando le spalle alla vita che si mette in mostra,A tutte le norme fin qui pubblicamente stabilite, ai piaceri,profitti, conformismiChe troppo a lungo avevo offerto in pasto alla mia anima,Chiare a me adesso le norme finora inedite, chiaro a meche la mia anima,Che […]

Read More

LA DONNA NEL MONDO CONTADINO

È lei la vera martire della famiglia; è lei che va al mulino col sacco su le spalle; è lei che porta l’acqua dalla fontana con la brocca sul capo; è lei, che in su la notte, munita di un lanternino, va a lavare i poveri cenci: e vi si reca di notte, perché  le […]

Read More

Struttura dei mulini di Orsomarso

Ad Orsomarso, fino agli anni Sessanta, operavano quattro mulini. Tre erano idraulici, uno elettrico (quello vicino all’abbeveratoio). Quelli idraulici erano “alla greca”, cioè con la ruota orizzontale. Questa configurazione era funzionale alla caratteristica del torrente Porta la Terra, che avendo una portata modesta non avrebbe permesso il funzionamento del modello vitruviano a ruota verticale. La […]

Read More

MATRIMONIO DI VINCENZO E MARIA

La foto di un matrimonio  comunica sempre il piacere della festa, dell’amore condiviso e ricco di promesse. Quella che vedete vi racconta quello di Vincenzo Papa e Maria de Paola. È il momento finale: don Cosma fa firmare gli sposi nel registro parrocchiale.

Read More

Il ciocco di Natale e le pratiche divinatorie

Accanto all’abete era viva in tutta l’Europa fino a qualche decennio fa un’usanza che ora sopravvive in poche famiglie e in aree limitate: il ciocco natalizio, detto in tedesco Jul e in francese calendau o chalendel con un evidente riferimento all’inizio dell’anno, ovvero al periodo solstiziale . In Italia è chiamato in vari modi secondo […]

Read More

Memorie del glicine

Tutti i miei sogni allora e le speranzegli sconforti e i silenzi, padre mio,eran tua gioia e affanno.E vegliavi su me dal tuo balconedi glicine fiorito,mentr’io, sotto l’antico pergolatod’edera, ricercavo il mio camminosui libri o tra le nuvole smarrito.Il piccolo giardinoaveva ad ogni fioreun’ape ed un mio sognoin un cerchio di rondini canore. Felice Mastroianni […]

Read More

BUON NATALE

UNA GIORNATA DI SERENITA’ E LETIZIA CONDIVISA

Read More

Festa all’asilo

Una foto che fa sentire il piacere della festa. A molte signore tornerà in mente il tempo della bella stagione, quando, ancora bambine, si ritrovavano all’asilo sotto la guida delle suore o, divenute adolescenti, cercavano di apprendere l’arte del cucito. La memoria saprà portare alla coscienza emozioni e ricordi. Tutti dolcissimi. Ci si augura che […]

Read More

Natale nella letteratura – PIRANDELLO

“Sentivo da un pezzo sul capo inchinato tra le braccia come l’impressione d’una mano lieve, in atto tra di carezza e di protezione. Ma l’anima mia era lontana, errante pei luoghi veduti fin dalla fanciullezza, dei quali mi spirava ancor dentro il sentimento, non tanto però che bastasse al bisogno che provavo di rivivere, fors’anche […]

Read More

Archivi

Categorie