Arrestato Maruccio, ex capogruppo Idv. «100mila euro del partito persi a videopoker»

 

ROMA – Martedì mattina la Guardia di Finanza ha arrestato a Roma l’ex consigliere regionale dell’Idv Vincenzo Maruccio. Il politico è accusato di peculato per aver sottratto dalle casse del partito circa un milione di euro negli ultimi due anni. I soldi risultano distribuiti su una decina di conti correnti che poi sono stati svuotati. Il sospetto del procuratore aggiunto Nello Rossi e del sostituto Stefano Pesci è che il denaro dei rimborsi sia finito in realtà tra i fondi di società e altri personaggi che avrebbero poi provveduto a riciclarlo. Una tesi che è stata accolta dal giudice. A REGINA COELI – Maruccio è stato portato nel carcere romano di Regina Coeli. L’ordinanza di arresto è stata eseguita dagli uomini del Nucleo Valutario guidati dal generale Giuseppe Bottillo che hanno effettuato le indagini e sono riusciti a ricostruire il percorso dei soldi, individuando anche alcuni prestanome che avrebbero aiutato Maruccio ad eludere i controlli sulla gestione dei finanziamenti. Il consigliere regionale rimarrà in carcere per 30 giorni. A seconda delle esigenze istruttorie, la durata della detenzione in carcere, previsto dal codice di procedura penale per i provvedimenti scaturiti dal pericolo di inquinamento probatorio, può essere rinnovata. L’ORDINANZA – Nelle nelle trenta pagine dell’ordinanza di custodia cautelare firmate dal gip di Roma Flavia Costantini si sottolinea che il denaro «distratto dall’ex apogruppo negli ultimi due anni si aggira attorno al milione di euro. Le indagini degli investigatori della Finanza hanno accertato che dal maggio del 2010 al giugno 2012 sono transitati sui conti del gruppo politico circa 2 milioni e 500mila euro. Di questo denaro gestito da Maruccio in totale autonomia 500 mila euro sono stati sparsi con bonifici su una quindicina di conti correnti». «ANCHE I RISPARMI DELLA NONNA» – Maruccio, si legge ancora nell’ordinanza del gip, era «una persona perennemente pressata dalla necessità di reperire denaro» anche prendendo i risparmi della nonna. «Pur percependo cospicui introiti come consigliere regionale», Maruccio era sempre in cerca di denaro «reperito» da «svariate fonti: sale giochi, tabaccherie, parenti, quali la madre che dalla Calabria, a suo dire, gli inviava con l’autobus i risparmi della nonna e amici vari, alcuni calabresi». Tra questi «amici» figura anche una ex convivente di Maruccio che lo avrebbe aiutato «economicamente addirittura facendo la cessione di un quinto dello stipendio». Secondo il gip nel reperimento di soldi, l’ex capogruppo «non ha esitato a violare ogni regola, sia quelle sulla circolazione del contante, sia quelle sulla negoziazione degli assegni». «SCHIAVO DEL VIDEOPOKER» – Era «schiavo del videopoker». Ecco perché, secondo la Finanza, l’ex capogruppo Idv alla Regione Lazio, aveva un bisogno spasmodico di contanti. Gli uomini del Nucleo di Polizia valutaria hanno trovato una serie di assegni i cui beneficiari sono i gestori di sale gioco e bar con le slot-machine, tutti nella Capitale. Secondo l’ordinanza di custodia cautelare, Maruccio avrebbe perso 100mila euro al videopoker. Nel provvedimento è citato l’interrogatorio di Andrea Palma, socio di un locale di videopoker e dirigente dell’Idv Lazio. «INQUINAMENTO PROVE» – Per Vincenzo Maruccio c’è il rischio di inquinamento delle prove. Per questo è stato arrestato. L’indagine nei suoi confronti aveva portato nelle scorse settimane a una serie di perquisizioni e sequestri. In seguito Maruccio era stato sentito dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dal pm Stefano Pesci, interrogatorio durante cui sia i suoi legali che lo stesso ex consigliere erano certi di aver chiarito le contestazioni. È stato fissato a venerdì mattina alle 12 nel carcere romano di Regina Coeli l’interrogatorio di garanzia di Maruccio. Ad interrogarlo sarà il gip Flavia Costantini che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare. LA DIFESA – «Vincenzo Maruccio si è dimesso da tutti gli incarichi e si è presentato spontaneamente agli inquirenti nelle settimane scorse. Ha pure offerto la massima collaborazione e, malgrado ciò, oggi sono arrivati i suoi arresti». Così è intervenuto l’avvocato Luca Petrucci, difensore di Maruccio. «La custodia cautelare – ha osservato il penalista – dovrebbe essere l’extrema ratio, ma in questo modo appare come uno strumento di pressione sull’indagato».

– Fiorenza Sarzanini

Fonte: Corriere della sera

Foto: iltalia.panorama.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close