La questione meridionale

 

Lo sciopero che oggi legherà fra loro i Pigs, i paesi porci d’Europa, è la fotografia della frattura sempre più evidente che, se la rotta non verrà invertita in fretta, rischia di spaccare in due l’intero continente. Ai porci originari – nell’ordine dell’acronimo Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna – va ora aggiunta l’Italia, che non sfigura affatto in nessuno dei parametri messi a punto dietro le vetrate dei palazzi che contano nella grigia Bruxelles: il debito pubblico proprio ieri ha battuto un altro record, salendo a 1995 miliardi nonostante i Fiscal compact e i Patti di stabilità. La corruzione non è da meno, e a ricordarcelo è l’ultimo arrivato Vincenzo Maruccio, l’ex capogruppo dell’Idv alla Regione Lazio arrestato ieri mattina perché – questa è l’accusa – avrebbe sottratto alle casse del partito un milione di euro in due anni, giocandosene centomila ai videopoker. Desta impressione, infatti, che alla chiamata per uno sciopero europeo, il primo proclamato nella sua storia dalla Confederazione europea dei sindacati, abbiano risposto solo i paesi del sud Europa: la Spagna prima di tutti, il Portogallo, la Grecia ormai in un perenne stato di mobilitazione che però non riesce a sfondare i confini nazionali, e ultima arrivata l’Italia, per iniziativa di Cgil e Cobas e con l’ostilità di Cisl e Uil. È il segnale – temiamo – che il solco tra il nord e i paesi mediterranei scavato nei primi cinque anni della Grande Crisi diventa sempre più profondo e configura una questione meridionale europea che rievoca quella che si trovò di fronte l’Italia all’indomani dell’Unità. Sarebbe stato bello se a ripianarlo avessero cominciato le organizzazioni dei lavoratori, nel segno di una nuova cartografia europea disegnata su criteri di solidarietà – di lotta di classe, si sarebbe detto un tempo – e non geografici. Sappiamo che alla “chiamata”, per fortuna, risponderanno tanti movimenti, questa volta dai quattro lati del Continente – indignados, studenti, precari, insegnanti – nonostante dal sindacato non sia arrivata alcuna lettera d’invito. Sono loro il nuovo fronte sociale a cui guardare con speranza per un’altra Europa. È dalla generazione senza futuro che potrà arrivare alle sinistre disorientate la linfa necessaria a impedirne un mesto ripiego nella gestione dell’esistente o, peggio, nel cinismo di chi non crede più ad alcuna utopia. Per accorgersene non è mai troppo tardi.

– Angelo Mastrandrea

Fonte Il Manifesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close