Se di Kipling

 

 

 

 

Se (Lettera al figlio, 1910)

Se riesci a conservare il controllo quando tutti

Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;

Se riesci ad aver fiducia in te quando tutti

Ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio;

Se riesci ad aspettare e non stancarti di aspettare,

O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne,

O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall’odio,

E tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio;

 

Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;

Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;

Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina

E trattare allo stesso modo quei due impostori;

Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto

Distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi

O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita, infrante,

E piegarti a ricostruirle con strumenti logori;

 

Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite

E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,

E perdere e ricominciare di nuovo dal principio

E non dire una parola sulla perdita;

Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi

A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,

E a tener duro quando in te non resta altro

Tranne la Volontà che dice loro: “Tieni duro!”.

 

Se riesci a parlare con la folla e a conservare la tua virtù,

E a camminare con i Re senza perdere il contatto con la gente,

Se non riesce a ferirti il nemico né l’amico più caro,

Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;

Se riesci a occupare il minuto inesorabile

Dando valore a ogni minuto che passa,

Tua è la Terra e tutto ciò che è in essa,

E – quel che è di più – sei un Uomo, figlio mio!

 

Rudyard Kipling

Foto nentisapia.it

Joseph Rudyard Kipling (Bombay30 dicembre 1865 – Londra18 gennaio 1936) è stato uno scrittore e poeta britannico, nato in India.

La sua opera più nota è il racconto per ragazzi Il libro della giungla (The Jungle Book) (1894). Famoso è anche il racconto di spionaggio ambientato in India Kim (1901), il romanzoCapitani coraggiosi (1897), oltre alle poesie Gunga Din (1892), Se (If) (1895) e Il fardello dell’uomo bianco (The White Man’s Burden) (1899).
Vita e opere

Infanzia

Kipling nacque in una casa coloniale tuttora parte del Sir J.J. Institute of Applied Art di Bombay. Suo padre era John Lockwood Kipling, un insegnante alla Jeejeebhoy School of Art, e sua madre si chiamava Alice Macdonald: alla nascita del loro figlio primogenito, la coppia decise di chiamarlo Rudyard in onore del lago Rudyard, nello Staffordshire, dove si erano conosciuti e corteggiati.

All’età di 6 anni venne mandato in Inghilterra insieme alla sorella di tre anni, dove ricevettero l’educazione elementare da un’istitutrice di nome Holloway: i maltrattamenti della donna, che si prolungarono fino a che non le venne tolto all’età di dodici anni, lasciarono una profonda influenza sulle sue opere ed in particolare sulla simpatia per i bambini, anche per i più ribelli. La sua zia materna sposò il pittore Edward Burne-Jones ed i bambini passarono spesso il Natale a casa dell’artista.

Dopo un breve periodo allo United Services College, che fu anche ambientazione dei suoi racconti Stalky & Co., nel 1882 Kipling tornò in India dai genitori a Lahore (oggi parte del Pakistan). Iniziò a lavorare come redattore per un piccolo giornale locale, il Civil & Military Gazette, e tentò numerose pubblicazioni come poeta, la prima delle quali ad andare a buon fine fu nel 1883. Intorno al 1880 iniziò a viaggiare per l’India come corrispondente per il giornale Allahabad Pioneer; anche i suoi romanzi iniziarono a vendere bene e pubblicò sei racconti brevi nel 1888, tra cui The Man Who Would Be King.

Il ritorno a Londra e il matrimonio

Rudyard Kipling in un disegno di John Collier1891

Nel 1889 Kipling iniziò un lungo viaggio attraverso BirmaniaCinaGiappone e California, prima di attraversare gli Stati Uniti e l’Oceano Atlantico, stabilendosi a Londra. I suoi diari di viaggio From Sea to Sea and Other Sketches, Letters of Travel sono in gran parte risalenti a questo periodo e riprendono anche alcuni articoli scritti per il giornale. Da quel momento in poi, la sua fama crebbe rapidamente ed egli divenne in breve tempo la voce dell’imperialismo. Il suo primo romanzo, The Light that Failed, fu pubblicato nel 1890. Il più famoso dei suoi poemi è probabilmente The Ballad of East and West. Nel 1886 venne iniziato comeMassone nella Loggia “Hope and Perseverance” di Lahore, per la quale scrisse la famosa poesia Mother Lodge (Loggia madre).

Nel 1892 Kipling sposò Caroline “Carrie” Balestier: durante la luna di miele, la banca di Kipling fallì e la coppia fu costretta a ritornare nel Vermont, dove viveva la famiglia di lei. Rudyard e la moglie vissero in America per i successivi quattro anni e costruirono una casa a Brattleboro che tuttora esiste, in Kipling Road. Fu durante questo periodo che Kipling iniziò a scrivere racconti per bambini e diede alle stampe Il libro della giungla (1894) e Il secondo libro della giungla (1895).

Kipling lasciò il Vermont dopo una lite con il cognato, che lo trascinò in tribunale: lui e la moglie tornarono in Inghilterra, dove nel 1897 pubblicò Capitani coraggiosi e, nel 1899,Stalky & Co. Nel 1898 iniziò una serie di viaggi annuali in Africa durante la stagione invernale: lì divenne amico di Cecil Rhodes mentre raccoglieva materiale per le sue Storie proprio così (Just So Stories for Little Children), successivamente pubblicato (1902) come preludio a Kim. Tra le poesie che Kipling compose in quel periodo, figurano Gunga Din (1892, da cui nel 1939 il regista George Stevenstrasse l’omonimo film interpretato da Cary Grant e Joan Fontaine) e The White Man’s Burden (1899); come saggista, fu coinvolto nel dibattito sulla responsabilità britannica nella formazione della flotta tedesca (i suoi articoli sono raccolti nell’antologia A Fleet in Being).

Il XX secolo vide Kipling all’apice della sua popolarità: ottenne il premio Nobel per la letteratura a soli 41 anni (il più giovane fino a oggi (3/2012)) nel 1907 per Il libro della giungla e pubblicò Puck of Pook’s Hill (1906) e Rewards and Fairies (1910).

La prima guerra mondiale

Il nome di Kipling era così strettamente legato al colonialismo che, con la prima guerra mondiale, la sua popolarità ebbe a soffrire del contraccolpo. Comunque all’inizio della Prima guerra mondiale cominciò a svolgere l’incarico di corrispondente di guerra, prima sul fronte occidentale, poi su quello italiano;[1] ed entrò a far parte della Sir Fabian Ware’s Imperial War Graves Commission(successivamente rinominata Commonwealth War Graves Commission). Nello stesso periodo il suo figlio maggiore John morì nellabattaglia di Loos (1915), a lui aveva dedicato una delle più famose composizioni: la poesia Se (pubblicata nel 1895).

Gli anni Venti e Trenta

Con la crescente popolarità dell’automobile, Kipling tornò ad essere un corrispondente itinerante per l’Europa e scrisse alcuni tra i suoi più begli articoli. Nel 1922 venne chiamato dall’Università di Toronto per organizzare le cerimonie di laurea, lavoro di cui fu entusiasta. Lo stesso anno divenne rettore della St Andrews University, carica che gli rimase fino al 1925.

Kipling morì nel 1936 di emorragia cerebrale, a settant’anni, poco dopo una falsa notizia della sua morte riguardo alla quale aveva commentato: Ho appena appreso di essere morto dal vostro giornale: non dimenticate di cancellarmi dalla vostra lista di abbonati.
Influenze successive

Kipling è rimasto una figura importante nella cultura popolare anche durante le sue massime punte di sfortuna critica: fu soprattutto importante, in particolare, per la nascita della fantascienza attraverso John W. Campbell e Robert A. Heinlein. Riferimenti a Kipling sono costanti in fantascienza, soprattutto in autori come Poul Anderson.

I suoi scritti sono anche stati usati largamente da Robert Baden-Powell come strumenti pedagogici nello scautismo; in particolar modoIl libro della giungla è il testo che fa da sfondo alle attività svolte dagli scout più piccoli (dagli otto agli undici anni) chiamati lupetti.
Kipling al cinema

Kipling ha scritto la storia e la sceneggiatura di:

Dai libri di Kipling sono inoltre stati tratti numerosi film, anche d’animazione.

Il solo Il libro della giungla ha avuto 2 popolarissime riduzioni a cartone animato di Walt Disney nel 1967 e nel 2003, mentre nel 1942 ne era stato tratto il primo film, che ha avuto a sua volta due remake nel 1994 e 1998. Famosa è anche la serie animata giapponese del 1989 dal titolo “Jungle Book Shonen Mowgli”

Altro romanzo di Kipling adattato al grande schermo è stato Kim con l’omonimo film del 1950 (con Dean Stockwell ed Errol Flynn), seguito da una versione televisiva inglese nel 1984 e dal cartone animato della RAI nel 2009.

Anche L’uomo che volle essere re ha avuto la trasposizione cinematografica nel 1975, col titolo L’uomo che volle farsi re: diretta da John Huston e con Sean Connery e Michael Caine per protagonisti, vede anche la partecipazione di Christopher Plummer nel ruolo dello stesso Kipling.

Da wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close