LA CONOSCENZA COME STRUMENTO DI EMANCIPAZIONE E DI LOTTA SOCIALE

Aula scolastica in Nepal – Foto: web

Siamo studenti medi, universitari, dottorandi, accademici. Aderiamo all’Unione degli Studenti e a Link-Coordinamento Universitario ma non solo. Siamo quelli che tutti i giorni vivono le scuole, le università,le accademie, i conservatori, i centri di ricerca, gli istituti della formazione professionale. Per la burocrazia statale siamo i cittadini-utenti del servizio formazione, per l’aziendalismo privato i consumatori-clienti del prodotto conoscenza: per quanto ci riguarda, rivendichiamo il ruolo di protagonisti della produzione di sapere e di saper fare nella nostra società.
Nel corso degli ultimi due decenni, il nostro mondo è radicalmente cambiato: l’integrazione della conoscenza nei processi produttivi ha raggiunto un grado inedito, e i luoghi della formazione sono stati pienamente coinvolti dall’ondata di privatizzazioni, di esternalizzazioni e di precarizzazione che ha caratterizzato la ristrutturazione del capitalismo globale.
Oggi le disuguaglianze nell’accesso ai saperi e agli strumenti della formazione non coinvolgono una piccola minoranza in difficoltà, ma rappresentano la condizione generale di buona parte della nostra generazione, spinta dall’avanzare della precarietà verso un generale livellamento verso il basso della proprie esperienze di vita quotidiana e dell’orizzonte di aspettative per il futuro. Allo stesso modo, il processo di mercificazione del sapere e di parcellizzazione della sua produzione si estende a tutti gli ambiti della conoscenza, dalle scuole alle università, dai centri di ricerca alle accademie, puntando a fare del sapere socialmente prodotto una risorsa scarsa, da contendere e commerciare.
Ci definiamo soggetti in formazione e riteniamo tale soggettività il prodotto di questi processi.
Siamo un nuovo soggetto sociale, non una classe né una generazione, ma un insieme di identità, un soggetto complesso con forti connotazioni sia di classe sia generazionali. I luoghi della formazione e le città che li ospitano sono lo spazio in cui questo soggetto vive, in cui le differenze sociali sono amplificate dalle barriere materiali all’accesso al sapere e
allo stesso tempo attraversate da un’esperienza collettiva comune su base generazionale. […]

Perché una Rete della Conoscenza

Ci mettiamo in rete, ci poniamo l’obiettivo di costruire insieme un grande spazio di rappresentanza sociale per i soggetti in formazione. Uno spazio che sappia mettere a valore le esperienze di analisi, vertenzialità, rappresentanza, conflitto e mutualismo che ogni settore della formazione è riuscito a mettere in campo in questi anni, e a realizzare le condizioni per un salto di qualità, per un’azione sociale e politica ampia e condivisa, in grado di abbattere le barriere all’accesso ai saperi per tutti e per tutte, rivendicare una didattica di qualità e una ricerca libera, conquistare un nuovo welfare universale come base dell’uguaglianza e della cittadinanza, fare della conoscenza il motore di un nuovo modello di sviluppo democratico e sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale.
La crisi delle forme di rappresentanza e organizzazione politica che stiamo vivendo sembra ancora più dirompente di quella all’inizio degli anni ’90, segno che le risposte fornite dalla cosiddetta “seconda repubblica”, sia sul piano politico sia su quello sociale, non sono più sufficienti, se mai lo sono state. In un clima di crescente distacco della sfera della rappresentanza politica dalla società reale e di sua quasi totale verticalizzazione, nelle istituzioni sempre più potentemente presidenziali come nelle organizzazioni politiche sempre più confusamente personalistiche, non possiamo che rivendicare e ribadire la nostra scelta di costruire sul piano sociale una spazio di democrazia partecipata, orgogliosamente autonomo e lontano da ogni collateralismo.

La Rete della Conoscenza, naturale evoluzione della nostra storia


Le radici di gran parte di ciò che si muove in ambito studentesco oggi affondano fino alla metà degli anni ’80, con la contemporanea crisi delle aggregazioni partitiche tradizionali ed extraparlamentari. Proprio la scelta da parte di alcuni studenti di sperimentare forme associative e di collettivo indipendenti, rendendosi autonomi dalle organizzazioni politiche in senso stretto e concentrando di conseguenza la propria azione sul piano della vertenzialità interna al mondo della formazione, si rivelerà decisiva nell’89-90, con la Pantera.
Inizia così la storia del sindacato studentesco italiano, con la presa di coscienza della centralità dei temi della formazione nella società contemporanea e con la scelta di costruire organizzazioni in grado di produrre analisi ed azione politica in maniera capillare su tutto il territorio nazionale, indipendentemente dalle scelte dei partiti.
La nostra scommessa nasce da qui: il mondo studentesco italiano richiede una proposta politica radicale e di massa, che sappia superare le tendenze all’autoreferenzialità, al compromesso, all’oligarchia e al settarismo che hanno finora caratterizzato le sue componenti organizzate.
Senza questa proposta e senza le sue articolazioni organizzative, le battaglie dei vari settori della formazione rischiano di diventare corporative e di essere relegate all’interno dei rispettivi confini istituzionali, mancando l’obiettivo centrale, cioè una vertenza generale sul futuro e sui rapporti di forza che strutturano la società della conoscenza. Rischiamo di trovarci a inseguire l’agenda politica in una logica meramente emendativa, senza l’opportunità di costruire un reale spazio per l’alternativa e di aggregare i soggetti in formazione nella realizzazione concreta e attuale di pratiche vertenziali, conflittuali e mutualistiche in grado di modificare i rapporti di forza a vantaggio di chi, come noi, vive una condizione di subalternità nei confronti dei processi decisionali.

Per la ripubblicizzazione delle conoscenze e un nuovo welfare

Non c’è battaglia per il protagonismo sociale dei soggetti in formazione e per il cambiamento della società in senso egualitario che possa non passare per iniziative di riappropriazione pubblica dei saperi.

Ogni esperienza di autoproduzione, autogestione, cooperazione e mutualismo è la messa in pratica concreta di un’alternativa praticabile al dominio violento del profitto. Compito della nostra Rete è la costruzione di connessioni tra tali esperienze e la messa in campo di un progetto complessivo di rilancio delle pratiche mutualistiche tra i soggetti in formazione.
Lo studente deve essere libero di scegliere il prodotto culturale di cui intende avvalersi, pertanto il reddito di formazione, deve essere svincolato dall’uso che egli ne fa. Il reddito in quest’ottica, favorisce la partecipazione e la creatività giovanile, favorendo l’ opportunità di formarsi culturalmente al di là dei luoghi classici della formazione, possibilità spesso legata al contesto socio-culturale della famiglia di origine ed alla condizione reddituale di quest’ultima. Ma il reddito di formazione è anche quello straordinario strumento che potrebbe assicurare davvero autonomia sociale per i soggetti in formazione.
Ciò che va ricostruito è un nuovo concetto di cittadinanza studentesca. Le sfaccettature della nostra società, le differenze di genere, orientamento sessuale, etnia e lingua rappresentano sfide sempre aperte per la costruzione di un piano di cittadinanza complessivo. Una cittadinanza inclusiva assume un valore rivoluzionario se contrapposta in ogni scuola, università o città a quella esclusiva promossa dai Governi Occidentali incentrata su paradigmi identitari, nazionalisti, omofobi, e tipicamente maschilisti.

Noi siamo la promessa di un domani migliore.

Il nostro è un percorso nuovo, che parte con la nostra assemblea fondativa ma che ha l’ambizione di arrivare molto lontano. Le stesse organizzazioni fondatrici possono vantare una storia più che decennale. Se indagassimo le singole realtà, città dopo città, ci renderemmo conto che la nostra Rete è uno dei più grandi esperimenti di aggregazione e organizzazione fatti negli ultimi anni e proprio per la grandezza della sua mole deve sentire su di sé tutta la responsabilità del caso. Arrivare all’assemblea fondativa della Rete della Conoscenza è stato un percorso di anni e anni. In diverse fasi storiche si è provato a portare in porto un progetto così importante senza riuscirvi, più per ingerenze esterne che per incapacità di chi si rese protagonista di quei percorsi. Per questo il nostro progetto, la Rete della Conoscenza, non ha la presunzione di essere a sé stante, autoreferenziale, che vive di vita propria, tutt’altro. Vive e vivrà dell’entusiasmo, della passione e dell’impegno di chi ci ha provato e non ci è riuscito, di chi oggi con grande incertezza ci prova e di chi avrà la fortuna di vivere in futuro un grande spazio di democrazia e libertà.
La nostra Rete ha prima di tutto questa grande ambizione: nel pieno della crisi della politica costruire un spazio vero di costruzione di un’alternativa culturale e sociale al pensiero egemone. Per raggiungere tale obiettivo servirà la voglia, il sudore e i sogni tutti e tutte. Solo tramite una vera partecipazione nei nostri territori possiamo condividere un nuovo senso del “bene comune”, possiamo davvero spazzare via tutto quello che negli anni ha reso la parola “politica” qualcosa di lontano dal mero interesse personale, dal clientelismo, dal carrierismo. La nostra Rete nasce soprattutto per questo. Nasce per tutti quegli studenti e studentesse che in UdS e Link non chinano mai la testa, che non subiscono i processi decisionali, che si vogliono rendere protagonisti del presente per trasformare la società tutta.
Un’ambizione non da poco. Siamo consapevoli che il nostro percorso è in salita ma siamo altrettanto consapevoli che questa salita è necessaria. La nostra scalata è ardua ma solo insieme, tutti i compagni e le compagne, potremmo passare dalle miserie del presenze alle ricchezze del possibile. La nostra Rete è e sarà lo strumento per rovesciare i paradigmi della politica, dovrà essere un nuovo strumento di condivisione di una passione che ci accomuna: il desiderio del cambiamento. Rappresenta per noi che avremo la fortuna di raccontarne la fondazione un percorso lungo quindici anni, un progetto non solo nostro ma di tutti quelli che lo hanno reso possibile. Lasceremo la porta aperta a tutti i viaggiatori, perchè convinti come recita sempre la stessa canzone che i sentieri giusti vanno percorsi insieme….

Da http://www.retedellaconoscenza.it/chi-siamo.html

Foto: web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close