Alla Fontana del ’26: IL COMMERCIANTE AMBULANTE

Alla Fontana del ’26

Nell’immediato dopoguerra non c’era molta ricchezza in giro.

Le piccole botteghe vendevano per lo più il necessario. Spesso a credito. Si aveva un quadernetto (a libretta) dove veniva segnata la spesa con la relativa somma da pagare. Quando s’incassavano un po’ di soldi si andava  per saldare il debito.

Ogni tanto però veniva il commerciante ambulante. Annunciava il suo arrivo con un rumoroso altoparlante e portava sempre qualcosa di nuovo, a un prezzo contenuto.

Le donne affluivano e, chi poteva, comperava qualcosa.
Questa foto ricorda quei tempi.

3 Replies to “Alla Fontana del ’26: IL COMMERCIANTE AMBULANTE”

  1. Filomena Stabile ha detto:

    IN QUESTA FOTO L’UNICA PERSONA CHE RICONOSCO è MIO NONNO GIOVANNI ARLEO ,E’ POGGIATO AL MURO. CHE BELLO ….GRAZIE MI FATE COMMUOVERE. UN CARO SALUTO

  2. angeloconsole ha detto:

    a dire il ” vero ” mi si intenerisce il cuore ( sarà una foto unica ) grazie per averla pubblicata !

  3. Lucia Santelli ha detto:

    U scialapopulu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close