Il re che doveva morire

Una volta un re doveva morire. Era un re assai potente, ma era malato a morte e si disperava:

— Possibile che un re tanto potente debba morire? Che fanno i miei maghi? Perché non mi salvano? –

Ma i maghi erano scappati per paura di perdere la testa. Ne era rimasto uno solo, un vecchio mago a cui nessuno dava retta, perché era piuttosto bislacco e forse anche un po’ matto.

Da molti anni il re non lo consultava, ma stavolta lo mandò a chiamare.

— Puoi salvarti, — disse il mago, — ma ad un patto: che tu ceda per un giorno il tuo trono all’uomo che ti somiglia più di tutti gli altri. Lui, poi, morirà al tuo posto.

Subito venne fatto un bando in tutto il reame:

– Coloro che somigliano al re si presentino a Corte entro ventiquattr’ore, pena la vita.

Se ne presentarono molti: alcuni avevano la barba uguale a quella del re, ma avevano il naso un tantino più lungo o più corto, e il mago li scartava; altri somigliavano al re come un’arancia somiglia a un’altra, nella cassetta del fruttivendolo, ma il mago li scartava perché gli mancava un dente o perché avevano un neo sulla schiena.

— Ma tu li scarti tutti, — protestava il re col suo mago.

– Lasciami provare con uno di loro, per cominciare.

— Non ti servirà a niente, — ribatteva il mago.

Una sera il re e il suo mago passeggiavano sui bastioni della città e, a un tratto, il mago gridò:

– Ecco, ecco l’uomo che ti somiglia più di tutti gli altri!

E così dicendo indicava un mendicante storpio, gobbo, mezzo cieco, sporco e pieno di croste.

– Ma com’è possibile, — protestò il re, – tra noi due c’è un abisso.

— Un re che deve morire, — insisteva il mago, — somiglia soltanto al più povero, al più disgraziato della città. Presto, cambia i tuoi vestiti con i suoi per un giorno, mettilo sul trono e sarai salvo.

Ma il re non volle assolutamente ammettere di assomigliare al mendicante. Tornò al palazzo tutto imbronciato e quella sera stessa morì, con la corona in testa e lo scettro in pugno.

G. Rodari “Favole al telefono”

ORSOMARSO – Chiesa S.G. Battista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close