Santa Catrina

Binari del trenino a Santa Catrina

Fino al 1951, nella valle dell’Argentino, era in funzione un trenino che serviva per portare alla Segheria i tronchi degli alberi abbattuti in montagna.

Questa foto,  mostra un tratto dei binari nella zona di Santa Catrina.

Il taglio indiscriminato dei boschi, in tutta la zona del  Pollino, è cominciato ai primi del ‘900.

 

Il 27 agosto del 1910, un’agguerrita ditta tedesca, la Rueping S.p.A., e il comune di Saracena conclusero un contratto che prevedeva lo sfruttamento di questo immenso patrimonio forestale per almeno un ventennio.

A partire dal 1927, al massimo della sua espansione, la Rueping accorpo’ altri territori rientranti nei comuni di Lungro, Morano Calabro, Mormanno, Acquaformosa, Firmo, S.Donato di Ninea, S.Sosti e Verbicaro giungendo sino alle falde del Cozzo del Pellegrino.
Qualche anno piu’ tardi, a causa di insanabili contrasti con gli amministratori di Saracena, la Rueping smantello’ i cantieri e si trasferi’ nelle montagne lucane.

 

(Dal libro “La Faggeta nella Montagna Calabrese” di C.Magliocco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close