Il ponte di ferro

Domenico Giannotti al Ponte di Ferro

Diceva Alfred Korzybski, un polacco che ha indagato i limiti della conoscenza umana, che “La mappa non è il territorio e il nome non è la cosa designata”.

Come dire: attenzione,  le parole che usiamo sono segni che solo approssimativamente riconducono alla cosa significata. I nostri pensieri, il racconto che noi facciamo del mondo, sono i nostri pensieri, il nostro modo di vedere il mondo. Sono la mappa.

La realtà, il territorio, il mondo è tutta un’altra cosa.

Eppure le parole a volte conservano tracce della loro origine

Per esempio i cognomi. Molti hanno avuto origine da caratteristiche fisiche: Gobbo, Mancino, Destro, Grasso, Zoppo, Piccolo, ecc. Altri da mestieri: Fabbri, Muratori, Sarti, ecc.. Altri da luoghi: Napoli, Ferrara, Milano, Montagna, Silvestri (dal latino silva = bosco) , Cosentino, Campagna, Laino, ecc.

Anche i nomi di luoghi portano con sé qualche caratteristica della località designata. Qualche esempio: Petrosa, Mancosa, Laccata (dal latino lacus = lago), Olivaro, Suvarita, ecc.

Oggi, un giovane di Orsomarso non sa spiegarsi come mai un certo luogo del suo paese viene indicato come Turricedda, un altro come Ponte ri firro, un altro ancora come Camposanto vicchio o Donnasita.

Bisogna andare indietro nel tempo. E la spiegazione si trova.

Questa foto mostra perché quella determinata località di Orsomarso viene chiamata Ponte ri Firro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close