ODE A PEPPINO IMPASTATO di mamma Felicia

Felicia e Peppimo

Felicia e Peppimo

 

 

ODE A PEPPINO IMPASTATO

dalla mamma Felicia

 

Chistu unn’è me figghiu.

Chisti un su li so manu

chista unn’è la so facci.

Sti quattro pizzudda di carni

un li fici iu.

Me fighhiu era la vuci

chi gridava ’nta chiazza

eru lu rasolu ammulatu

di lo so paroli

era la rabbia

era l’amuri

chi vulia nasciri

chi vulia crisciri.

Chistu era me figghiu

quannu era vivu,

quannu luttava cu tutti:

mafiusi, fascisti,

omini di panza

ca un vannu mancu un suordu

patri senza figghi

lupi senza pietà.

Parru cu iddu vivu

un sacciu parrari

cu li morti.

L’aspettu iornu e notti,

ora si grapi la porta

trasi, m’abbrazza,

lu chiamu, è nna so stanza

chi studìa, ora nesci,

ora torna, la facci

niura come la notti,

ma si ridi è lu suli

chi spunta pi la prima vota,

lu suli picciriddu.

Chistu unn’è me figghiu.

Stu tabbutu chinu

di pizzudda di carni

unn’è di Pippinu.

Cca dintra ci sunnu

tutti li figghi

chi un puottiru nasciri

di n’autra Sicilia

1979

Felicia Impastato

 

Foto web

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close