“La mafia ha ucciso la libertà, la mafia sta uccidendo la vostra dignità”.

Il giudice Nino Di Matteo

Il giudice Nino Di Matteo


Successo per la partenza della “due giorni” dedicata a Peppino Impastato: ospite d’onore Nino Di Matteo.

Dinanzi ad una platea di studenti, autorità politiche e civili, si è svolto il primo dei tre appuntamenti dedicati alla figura di Peppino Impastato che il Comune di Bagheria ha voluto dedicare in occasione della presentazione del docu-film di Ivan Vadori ” La voce di Peppino Impastato” che sarà proiettato al pubblico.

L’intervento del giudice Di Matteo che ha regalato una lezione di vita: “Non dovete considerare che ci sia una competizione tra la mafia e l’antimafia in cui i cittadini possano essere semplici spettatori, pensando che sia una cosa che non possa interessare i cittadini. La mafia non ha ucciso soltanto uomini dello Stato, sacerdoti e giornalisti. La mafia ha ucciso la libertà, la mafia sta uccidendo la vostra dignità. Sta negando la possibilità che si sviluppi sul territorio un ambiente sano. Sta continuando ad uccidere il vostro futuro. Ecco perché non si puo’ rimanere indifferenti. Senza indifferenza di gran parte dei cittadini non potevano accadere le stragi”. E ancora “Non siate indifferenti, l’indifferenza è vigliaccheria. Parlatene con i vostri professori. Formatevi le vostre idee anche di critica nei confronti della magistratura e delle forze dell’ordine. E’ necessario schierarsi. Le parole di Giovanni Impastato hanno fatto riflettere su un dato. Oggi si parla di legalità ,si parla in maniera generica. La legalità è qualcosa di diverso che partecipare a incontri del genere. E’ coraggio di schierarsi. Impastato non diceva soltanto la mafia mi fa schifo ma indicava per nome e cognome. …L’indifferenza ha creato le basi per lo strapotere mafioso”.

Da http://www.mnews.it/2013/10/successo-per-la-partenza-della-due.html

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close