La corriera

DA SXrenato aronne salvatore stabile antonio fazio nino corrado e rodolfo ziccarelli

Primi anni ’60, in Piazza Municipio. Quella corriera era grandissima, alcuni la chiamavano “la nave”, per la sua forma un po’ strana.

Le porte non chiudevano bene, le strade non erano asfaltate; dentro entrava molta polvere.

Da dx Renato Aronne, Salvatore Stabile, Antonio Fazio, Nino Corrado, Rodolfo Ziccarelli

Rodolfo ha aiutato tanta gente a curarsi. Quando si aveva bisogno di fare punture, si ricorreva a lui. Con la sua scatoletta di alluminio, nella quale conservava le siringhe con gli aghi, si girava tutto il paese.

4 Replies to “La corriera”

  1. omero fazio ha detto:

    Per quanto possa sembrare vecchia questa corriera consentì al sottoscritto e ad altri amici, quali: Franco sollazzo, Nicola Papa, Franca Oliva, Antonio Maradei ed Enzo Gervasi, studenti orsomarsesi pendolari pionieri, di frequentare la scuola media a Diamante e la scuola professionale a Fuscaldo. Agli amici della foto ed a quelli menzionati nel commento, che non sono più tra noi, un vivo ricordo.
    Omero Fazio

    • admin ha detto:

      Caro Omero,

      ti ringrazio per questo contributo.

      E’ mio desiderio che la “costruzione” dei LUOGHI DELL’ANIMA avvenga con un lavoro collettivo, sia con le foto sia con le opinioni.

      Saluti
      Cosma

  2. omero fazio ha detto:

    Mi scuso per la svista la “S” minuscola di Sollazzo – spero Admin la possa correggere.
    Omero Fazio

  3. omero fazio ha detto:

    Tra gli studenti pionieri del pendolarismo scolastico orsomarsese c’era anche Aurelio Napolitano, che avevo dimenticato di citarlo nel commento precedente, ed oggi mi ha ricordato le tante volte che al mattino dovevamo spingere questo mezzo per farlo mettere in moto. Allora le batterie non erano troppo efficienti e spesso durante la notte si scaricavano . .
    omero fazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close