Quanti bambini!

 

 

Processione di Santa Lucia al Palazzotto. Un po’ di tempo fa.

Guardate quanti bambini.

Oggi, alle scuole medie, non si ha neppure un corso completo. L’emigrazione ha svuotato i nostri paesi, portando lontano risorse culturali, professionali, umane. Alcuni piccoli centri dell’Appennino vendono ad un euro case abbandonate, pur di ridare vita a quartieri che sembrano cimiteri.

La crisi del Sud è dovuta anche a questo dissanguamento.

Vito Teti nel volumeQuel che resta. L’Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni.”, Donzelli,  ragiona su questo spopolamento. “ Nella prospettiva di Teti, il passato può e deve essere riscattato come un mondo sommerso di potenzialità suscettibili di future realizzazioni. In agguato, certo, c’è il rischio che la retorica e la nostalgia restaurativa seppelliscano quel poco che, del paese, resta. Viceversa, la nostalgia positiva, costruttiva può essere sostegno a innovazione, inclusione e mutamento. Se la nostalgia diventa una strategia per inventare il paese, allora quel che resta è ancora moltissimo. L’antropologia dell’abbandono e del ritorno, di cui Teti definisce in queste pagine i tratti essenziali, è un tentativo d’interpretazione dei luoghi a partire da quel che resta, e che occorre ascoltare, prendendosene cura.”

La ragazza con la bandiera è Silvia Farace.

E’ lei che mi ha passato la foto. La ringrazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close