In vino …

cantina o catuio

I Greci, che avevano dimestichezza con la genialità, il vino lo consideravano il dono di un dio: Dioniso.

Consumato nelle “dosi consigliate”, sa creare ebbrezza, spianare ostacoli, consolidare legami, nascondere malinconie.

Qui ne avete una dimostrazione.

 
Se le dosi non vengono rispettate allora può complicare percorsi, rendere instabili equilibri, aggrovigliare discorsi…

Oggi il problema è che non sempre si trova quello fatto con l’uva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close