Cufuno

cufuno

Asino carico di cufuni.

Questi cesti capienti erano molto comodi, perché si potevano caricare e scaricare facilmente e perché permettevano di trasportare uva, pomodori, pere, pesche, arance, ecc. senza schiacciarli.

Con questi i contadini andavano a fare mercato a Mormanno.

Partivano la mattina verso le due. Andavano per a Vadda, i Mitisciuni e sbucavano a Campulungo. Scendevano poi a Mormanno dalla strada che passa per il Vecchio Fienile. Arrivavano per le sette.

Portavano pesche, pere, arance, faggiolini; quello che si poteva vendere. Rientravano la sera verso le sette.

 

La parola cufuno mi stuzzicava: da dove viene fuori? Ho scartabellato nella mia modesta attrezzatura domestica ed ho trovato che all’origine poteva starci il greco “kophinos” , che significa cesta profonda.

Non contento ho chiesto a Giovanni Russo cosa ne pensasse. Risposta:

 

“Sul dizionario Treccani è riportato cophinus latino e kophinos greco con il valore di grossa cesta.
Mi ha incuriosito la desinenza –inos di kophinos ed ho pensato alle parole greche di kopa (coppa) e inos (vino) che possono generare kopinos e quindi kophinos, coppa di vino.

Pensa alla particolare forma che ha, sebbene in grandi dimensioni, il nostro cufuno!”

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close