SCOOP – Sette inglesi su dieci hanno dichiarato che dopo aver letto questo articolo la loro vita (sessuale) è decollata.

a

Sette inglesi su dieci hanno dichiarato che dopo aver letto questo articolo la loro vita (sessuale) è decollata.

Ok, hai aperto l’articolo. Forse non ci hai creduto, forse l’hai aperto per diffidenza. Però l’hai aperto. Adesso chiediti: “Perchè l’ho fatto?”. Spero non per il “sessuale” tra parentesi. Secondo me l’hai aperto per il “sette inglesi su dieci”.  Mi dispiace, non c’è nessun articolo per farvi decollare.

Vi siete appena arresi alla social proof (riprova sociale), un fenomeno psicologico di cui siamo largamente vittime. Quando non sappiamo bene quale sia la verità, quando siamo in una situazione di indecisione, quando non siamo sicuri su come comportarci, pensiamo che chi ci circonda abbia le idee più chiare.
Pensiamo che guardando quello che fanno gli altri – e facendo la stessa cosa – faremo la cosa giusta. E’ il motore del conformismo. Grazie a questo tipo di influenza sociale, si raggiunge quella condizione che psicologi e politologi definiscono “da pecora”. In situazioni ambigue grandi gruppi di individui fanno la stessa cosa, a volte giusta, a volte sbagliata.

Succede – ad esempio – durante le elezioni, quando siete incerti su chi votare, o se astenervi o andare al voto. Se ti dicono che “sei italiani su dieci andranno al mare anzichè votare”, è probabile che anche tu – da brava pecora – faccia lo stesso. Ammettilo, arrenditi. Hai letto questo articolo perchè la riprova sociale ti ha costretto.

La social proof è l’arma quotidiana di Silvio Berlusconi. Silvio è il Buon Pastore. E ha tante pecore nel suo gregge. Ricorda al suo gregge quotidianamente che “la maggioranza degli italiani la pensa come lui”. La maggioranza degli italiani ha paura di essere intercettata al telefono. Lui lo sa, lui lo dice, i vari Minzolini e Vespa lo ripetono.

Se siete incerti, se pensate che le intercettazioni forse sono un bene per incastrare i politici criminali, ma forse sono un male per incastrare i politici innocenti, allora eccovi la social proof.Tranquilli, non c’è bisogno di riflettere. Basta seguire la maggioranza. Non c’è nemmeno bisogno di discutere e parlare con vi circonda, troppo faticoso. Ce lo dice la televisione, che per qualsiasi circostanza controversa, in dieci minuti riesce a dirci cosa pensano “la maggioranza degli italiani”. Scavolini, la cucina più amata dagli italiani. Otto gatti su dieci preferiscono kit-kat.

pp

 

Non decollerà la vostra vita sessuale, ma gli inglesi c’entrano comunque. Nel paese della BBC, la BBC fasocial proof. La storia è presto raccontata. Il governo di Cameron qualche tempo fa ha presentato i Budget cuts, una finanziara terribile, la peggiore del dopoguerra, con tagli del 30-40% alla spesa pubblica in tutti i settori. Non troppo diverso da quello che è avvenuto in Grecia, molto peggio di quello che è accaduto in Italia (anche se – dice The Guardian – in Grecia erano disperati, mentre il governo inglese taglia col sorriso sulle labbra).

E allora come indorare la pillola? Come limitare la perdita di consenso per un’azione politica che ha colpito tante persone? Ha creato un certo scalpore che uno dei top manager della BBC sia andato al 10 di Downing Street per discutere con (o ascoltare da?) Cameron la strategia di comunicazione. Una cosa assurda, come se Minzolini invece di parlare liberamente e indipendentemente concordasse con Berlusconi o Capezzone come comunicare le notizie. Bene, la BBC ha iniziato una serie di trasmissioni (TV, radio e web) che discutono gli “inevitabili tagli” e dove e come avverranno, prima ancora che le decisioni stesse venissero prese! Quando Cameron, magari con il volto dispiaciuto, ha calato la mannaia, tutti sono sembrati pronti al sacrificio. Era inevitabile, lo ha spiegato la BBC. Nel dubbio, gli inglesi si sono comportati come pecore, d’accordo con l’opinione comune secondo cui i tagli erano giusti, inevitabili. L’opinione comune riportata dalla BBC. Meditate pecore, meditate.

 Fonte http://www.lundici.it/2010/09/socialproof/

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close