Grimone

Da sx Teresina Giannotti con il nipote Franco, Ersilia con la nipote Angeloa, Angelo Cicirelli marito di Elisabetta, Grazia; dietro: Biasino, Elisabetta e Tranquilla

Da sx Teresina Giannotti con il nipote Franco, Ersilia con la nipote Angela, Angelo Cicirelli marito di Elisabetta, Grazia; dietro: Biasino, Elisabetta e Tranquilla

Le foto riescono a dire più cose delle parole. Sono come la musica: entrano subito nella circolazione sanguigna e vanno diritte al cuore. Colgono, più delle parole, sfumature, contrasti, esplosioni di luce o di ombra. Sanno raccontare la vita nella fase incandescente. Persone, comunità, momenti storici, si rivelano senza finzioni.

Questa foto me la giro tra le mani da mesi. Non sono riuscito a pubblicarla, perché farlo mi sembrava profanare un sacrario, in cui non mi era concesso accedere. Ricordi, pensieri, emozioni urgevano ed era difficile contenerli in parole.

C’è il lato materno della mia famiglia, quello che ha nome Grimone. Niente di speciale, pregi e difetti sono posseduti nella stessa quantità che si trova nell’ordinario campionario umano.
Queste persone però mi appartengono. Con alcune di loro ho scambiato, per quello che l’adolescenza consente, scampoli di umanità. Sono i protagonisti del racconto famigliare, che ho ascoltato da ragazzo. Quella mitologia casereccia che mi ha tenuto compagnia in tante serate al focolare. Tranquilla, Elisabetta, Grazia, Ersilia, Biasino erano, nelle parole di mia madre, rifugio, conforto, consiglio, soccorso, madre, padre, fratello. Erano famiglia. L’altra, la morte e l’America l’avevano disfatta, quando ancora si aveva paura del buio ed il sibilo del vento  una minaccia che non si sapeva come contenere.

Sono molto riconoscente ad Antonietta per questa foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close