Cavaddu lungo

.

Nel tempo contadino non si giocava mai da soli. Ed era un bene. S’imparava a stare con gli altri, ci si misurava con gli altri. Certo, non mancavano scazzottate, bernoccoli, camicie strappate, ma facevano parte del gioco. Era il tirocinio per imparare il mestiere di vivere.

Questa foto vi mostra u “cavaddu lungo”, uno dei giochi più praticati dai ragazzi di Orsomarso, assieme a ‘mmucciatedda, mazza e pivuzu, steccia e prigiuniri.

Foto: web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close