Consumo critico

critico

Quando compri, voti. Voti ogni volta che fai la spesa, che schiacci il telecomando, che ti rechi in banca.”, ha scritto Padre Alex Zanotelli. Significa che le scelte dei consumatori hanno grande influenza sulle forme produttive e distributive globali e gli stessi consumatori possono indirizzare le loro scelte verso quelle imprese che ritengono etiche e rispettose dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente attraverso uncommercio equo e solidale.

 

Ma non è facile, in un’epoca dove la felicità personale è legata spesso al possesso e al consumo continuo di beni materiali (tale condizione è definita consumismo), frutto di campagne pubblicitarie che abituano le persone ad acquistare prodotti non per la loro necessità ma per quello che questi rappresentano. Ad esempio, il telefono cellulare non lo sostituiamo quando si rompe, bensì quando esce un nuovo modello che promette prestazioni ultramoderne.

Se esasperato, il consumismo produce dei danni. Comprando più di quanto serva, i livelli di risorse naturali necessarie per la produzione e lo smaltimento di quanto non ci serve più, soffocano il pianeta. Il consumo critico può essere la risposta: orientare i propri acquisti prendendo in considerazione gli effetti sociali e ambientali dell’intero ciclo di vita del prodotto, fa bene al pianeta e anche a noi stessi.

arborteas.com

http://www.unimondo.org/Oggi/Giugno/7-Giugno

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close