OMBRA CHE IRRIGA LE MIE VENE

 

aa

La morte è un’ombra che irriga le mie vene
un lento strepitio che inesorabile nutre
questa fossa di ricordi, tra volti sbiaditi
parole deformate, parenti silenziosi
come alberi nel bosco.

I miei anni più belli
ridotti in frammenti, rare radure di luce
disavventure, cadute. Stazionavo
in periferie nord europee
tra case o bordelli pieni di solitudine
donne sconosciute comprate con pochi versi
e una storia da raccontare.

La morte ci sta allontanando.
Questo guardiano che vigila
attorno alle grate dei sogni
è un segno del nostro franare?
Sforzarsi di tornare assieme
basterà per arrivare al capolinea
sui tuoi seni bianchi?

 
Fonte: http://internopoesia.wordpress.com/

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close