Vummuli e cannate

 

bambini cu vummulo

Fino agli anni ’50 la maggior parte delle case aveva u lanceddaro, l’angolo cioè dove si conservavano le lancedde con l’acqua per uso domestico.

Ci si riforniva alla fontana pubblica.

Qui vedete due bambine  con i vummuli e le cannate. Mostrano già una certa destrezza, segno che le loro giovane vite hanno imparato presto a fare i conti con la miseria.

I volti però sono pacati. Le privazioni  non hanno provocato terremoti nell’animo.

Forse il senso della vita è nascosto da qualche parte che solo i cuori semplici sanno trovare.

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close