Cupucupe

Capodanno, per il mondo contadino, era tempo di serenate. Si voleva entrare nel nuovo anno con allegria e con la pancia piena, una volta tanto.
I ragazzi si armavano di cupucupe ed andavano in giro a cantare strofette, tramandate di generazione in generazione.

Eccone un paio, tanto per dare l’idea.

.

Li boni  festi su tre boti l’anno,

lu Pasca, lu Natale e lu Capuranno

Agghju cantato a hjuri ri cucuzza,
jessi zia mia ca sauzizza.

Agghju cantatu a hjuri ri limuni
jessi zia mia cu buttigghiuni.

Agghju cantato a hjuri ri granata
jessi zia mia ca suprissata.

Ha fattu la niva alla Marina,

cara zia mia fami la strina.

 Familla vulintiro vulintiro

ca voi fa nu figghju cavaliro.

Familla vulintera vulintera

ca voi fa nu figghju cu tre peri

 

 

MANLIO FORESTIERI HA MANDATO QUET’ALTRO CANTO

 

Sentu lu strusciu ri lu tavulinu,

quissa jè zia mia chi porta lu vinu…

 

Sentu lu strusciu ri lu ‘ntavulatu

e quidda jè zia mia cu la suprissata.

 

Ca voi fari tantu ri lu vinu,

quant’acqua scurra ‘ntu hjumu Argentinu

 

E boi fari tantu ri lu granu

quantu ni fanu Russanu e Curiglianu.

 

Voi fari tantu r’ugghju e mustu

Quant’acqua u hjumu tenari nt’agustu.

 

Ohi sumarsisi, ca vui sitisi ri cori,

jiapritimi  e nu’ mi faciti sta rafora.

 

Diu vi mannissa tanti buni misi,

quantu allu munnu su soldi e turnisi.

 

Agghju  cantatu ‘mper’a na granata

jiessi zia mia ca suprissata.

 

Agghju cantatu ‘mperi a nu limunu

jiessi zia mia cu buttigghjunu.

 

Canta lu gaddu e scutula la capa

ramu la santa notte a lu patrunu ri casa,

 

Canta lu gaddu e scutula la cura

lassumu lu bona notti a si signuri.

 

Canta lu gaddu e scutula li pinni

lassamu la santa notte e jiamuninni.

 

Si tamu risturbatu ti circamu scusa

mo vutati ra latru latu e ba riposa.

.

Avete capito che si mescolavano lo scherzo e la speranza di racimolare qualcosa. E la speranza non andava mai delusa.
Con una caratteristica di tipo preventivo: il vino conteneva al 50% acqua.

Sapete, si aveva a che fare con dei ragazzi.

.

Questa foto presa dal web ci regala una simpatica vecchietta concentrata a suonare il suo cupucupe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close