RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PASSATO – – La fierezza del Sud

tea

 

Nell’ultimo decennio, si è disvelata la rilettura dell’Unità d’Italia, da parte di storici  e giornalisti. Il fenomeno ha alimentato la consapevolezza, tra i cittadini del Sud, che i “briganti” non erano briganti.

L’epopea descritta nei libri scolastici, di un Garibaldi liberatore e di un Savoia che unisce la penisola, ha cominciato a scricchiolare.

Chi li ha scritti quei testi?

Nella scuola dell’obbligo, essendo rivolta a giovani menti, il tentativo della semplificazione è un’esigenza. Ma nel seguito degli studi, una maggiore attenzione nel porre le vicende storiche, si deve e si doveva pretendere.

Raccontare che la penisola italiana era divisa in tanti piccoli stati, occupati da casate straniere e usata come merce di scambio nello scacchiere europeo, porta a dipingere colui che l’ha “unita”, come un mero liberatore. E’ quasi un riflesso sintomatico arrivare a questa conclusione.

Non solo quindi verità storica di comodo, ma verità di “logica”.

Poi, con un approfondimento, i fatti si possono leggere diversamente. Dipende dall’impostazione culturale dell’individuo.

Chi è nato al Sud, acculturandosi, viene a sapere di aver fatto parte per mezzo millennio di un regno, e che tale regno è stato invaso nel 1860 da un manipolo di assaltatori, guidati da un abilissimo generale di guerriglia. Tale comandante, Garibaldi, ha trovato a contrastarlo un esercito allo sbando e terreno fertile tra la popolazione e la classe dirigente locale. Egli, dalla Sicilia, sale la penisola sino alla Campania, per incontrare il re della casata Savoia, che aveva provveduto a scendere dal Nord a capo del suo esercito. L’incontro sancisce idealmente l’inizio dell’Unità della penisola-nazione.

Risultato: fine delle dittature straniere, dignità del riconoscimento internazionale, un parlamento, elezioni, costruzione di un’economia.

Tale copioso risultato, ha cancellato per un secolo e mezzo “l’invasione” e l’annessione di un regno: quello delle due Sicilie.

Ma un secolo e mezzo di verità di comodo, ha cancellato mezzo millennio di storia?

Come potete costatare la questione è complessa. Ed i Savoia hanno raccontato la storia che faceva loro comodo, il fascismo l’ha avvalorata, la Repubblica Italiana l’ha adottata. Poi, appunto, arrivano storici non accademici e giornalisti con il gusto della storia, a raccontare come i fatti non sono propriamente quelli raccontati.

Qualcuno ha ecceduto, trasformando i briganti-briganti in soldati, i soldati del regno in eroi ed i governanti in fari illuminati. Ma l’enfasi della scoperta ed il dilettantismo, porta a distonie.

In linea di massima, si può dire che si è aperto un dibattito revisionista. Un prolifico dibattito, che sta facendo emergere anche l’orgoglio di un Sud, già “unito”, quando le altre parti della nazione erano fazzoletti di terra in balia di chiunque. E si tratta proprio di quei pezzi della nazione, i cui abitanti, guardano con spregio gli uomini del Sud, chiamandoli “terroni”.

Ohibò! Strano che figli di generazioni senza patria, guardano con aria di superiorità chi è appartenuto ad un regno. Se pur un po’ sgangherato, come ho avuto già modo di scrivere, ma comunque un regno. Esteso territorialmente e valido demograficamente, con una capitale che nel ‘500 aveva piu’ cittadini di Parigi.

Purtroppo al Nord si è troppo impegnati nel fare, come la cultura calvinista ha loro insegnato, e poco inclini al pensare. Non è un caso se i maggiori studiosi sono nati al Sud, una terra che ha sempre rispettato il valore della cultura, fino a fare della laurea lo scopo della vita di milioni di genitori.

Un giorno dissi ad un valido ingegnere di microelettronica del Nord: “Il vostro problema è che non date il giusto valore ad un libro”. La frase poteva apparire semplicistica, ma l’uomo rimase silente, perchè aveva capito il retropensiero di essa e perchè un libro, che non fosse narrativa, ma di storia o di filosofia, non l’aveva mai letto.

La cultura umanistica meridionale, ha un senso di superiorità verso la cultura economica del Nord, cosi’ come la cultura umanistica della Vecchia Europa, ha un senso di superiorità verso la cultura economica degli Stati Uniti.

Sarebbe opportuno che tutti gli uomini del Sud, ne siano a conoscenza e siano fieri di avere una vasto esercito di eruditi, dalla grande città al piccolo paese, che continuano a coltivare gli studi, in un mondo globale che corre dietro le amenità.

Ecco una delle certezze cui rimodellare il concetto di Sud.

Fonte:  http://www.restoalsud.it/

Foto web

 

pont

 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

 

BIBLIOGRAFIA SULLA VERA STORIA DEL RISORGIMENTO

in continuo aggiornamento…..

* “Il brigantaggio politico del Mezzogiorno d’Italia (1815-1818″

Antonio Lucarelli, Milano, Longanesi, 1982

* “Il brigantaggio politico delle Puglie dopo il 1860 – Il sergente Romano”

Antonio Lucarelli, Milano, Longanesi, 1982

* “Carmine Crocco Donatelli. Un Brigante guerrigliero”

Antonio De Leo Antonio, Cosenza, Luigi Pellegrini Editore, 1983

* “Briganti e senatori”

Alberico Bojano, Napoli, Alfredo Guida Editore, 1997.

* “Briganti e piemontesi: alle origini della questione meridionale”

Aldo De Jaco, Rocco Curto Editore, 1998

* “A sud del Risorgimento”

Antonio Boccia, Napoli, Tandem, 1998

* “La Sicilia e il brigantaggio”

Luigi Capuana, Carlo Ruta (a cura di) Messina, Edi.bi.si., 2005

* “Dopo Teano: Storie d’amore e di briganti”

Aldo De Jaco, Lacaita, 2001

* “Il brigantaggio meridionale: cronaca inedita dell’Unità d’Italia”

Aldo De Jaco, Editori Riuniti, 1969

* “La chiamarono Unità d’Italia…”

Antonio Grano, Napoli, 2009

* “Il brigante Secola. La sanguinosa rivolta nel Fortore post-unitari”

Antonio Bianco, Benevento, Il Chiostro, 2011

* “I panni sporchi dei Mille”

Angela Pellicciari,(Liberal Edizioni)

* “I Savoia e il massacro del Sud”

Antonio Ciano, Grandmelò

* “Due Sicilie, 1830 – 1880″

Antonio Pagano – Capone, 2002

* “La conquista del Sud: Il Risorgimento nell’Italia Meridionale”

Carlo Alianello, Milano, Edilio Rusconi, 1994

* “Controstoria dell’Unità d’Italia, ribellione popolare e repressione militare 1860-1865″

Carlo Coppola, Lecce, MCE Editore 2003

* “Il Mezzogiorno e l’unità d’Italia”

Carlo Scarfoglio, Parenti Firenze

* “Il Brigantaggio nel Salento”

Carlo Coppola, Matino, Tipografie S. Giorgio, 2005

* “Storia d’Italia”

Denis Mack Smith, Roma-Bari, Giuseppe Laterza e figli, 2000

* “Il potere di punire e perdonare. Banditismo e politiche criminali nel Regno di Napoli in età moderna”

Francesco Gaudioso, Galatina, Congedo, 2006

* “Eroi e briganti”

Francesco Saverio Nitti, Milano, Longanesi, 1946

* “La stangata”

Francesco Del Vecchio (2001) Ed. Libellula

* “I Lager dei Savoia

Fulvio Izzo (1999), Ed. Controcorrente

* “Regno delle Due Sicilie- tutta la verita”

Gustavo Rinaldi

* “Il sangue del Sud. Antistoria del Risorgimento e del brigantaggio”

Giordano Bruno Guerri

* “Brigantaggio, proprietari e contadini nel Sud (1799-1900)”

Gaetano Cingari, Reggio Calabria, Editori Riuniti 1976

* “Garibaldi,l’avventuriero, il massone, l’opportunista”

Gustavo Rinaldi, ed. Controcorrente

* “Il Brigantaggio dal 1860 al 1865″

Giuseppe Bourelly, Venosa, Osanna, 1987

* “La bugia risorgimentale. Il Risorgimento italiano dalla parte degli sconfitti”

Gerlando Lentini

* “1860 – La stangata

* “1861 Pontelandolfo e Casalduni. Un massacro dimenticato”

Gigi Di Fiore – Grimaldi & C. ed. 1998

* “I vinti del Risorgimento. Storia e storie di chi combatté per i Borbone di Napoli”

Gigi Di Fiore

* “Gli ultimi giorni di Gaeta. L’assedio che condannò l’Italia all’Unità”

Gigi Di Fiore

* “Controstoria dell’Unità d’Italia. Fatti e misfatti del Risorgimento

Gigi Di Fiore, Ed. Rizzoli

* “Indietro Savoia! Storia controcorrente del Risorgimento italiano

Lorenzo Del Boca, Ed. Piemme

ponte

* “Maledetti Savoia”

Lorenzo Del Boca, Ed. Piemme

* “Donne contro: le brigantesse streghe dell’Appennino”

Maria Procino, in «SLM- Sopra il livello del mare» Rivista dell’Istituto Nazionale della montagna, n. 28, 2006

* “L’unità truffaldina”

Nicola Zitara, liberamente scaricabile in formato HTML o RTF

* “Il Sud e l’unità d’Italia”

Giuseppe Ressa e Alfonso Grasso, (e-book)

* “La Storia Proibita -Quando i Piemontesi invasero il Sud-“

vari autori, Ed. Controcorrente, Napoli 2001

* “L’Unità d’Italia: nascita di una colonia”

Nicola Zitara

* “Tutta l’ègalitè”

Nicola Zitara, estratto dalla rivista Separatismo

* “Memorie di quand’ero italiano”

Nicola Zitara

* “Negare la negazione”

Nicola Zitara

* “L’invenzione del Mezzogiorno”

Nicola Zitara,

* “Contro la questione meridionale”

Carlo Capecelatro, Savelli, Roma

* “L’unità d’Italia: guerra contadina e nascita del sottosviluppo del Sud”

M. R. Cutrufelli, , Bertani Editore, Verona

* “Don Josè Borges, generale catalano e guerrigliero borbonico, Diario di guerra”

Josè Borjes, Valentino Romano (a cura di) Bari, Adda, 2003

* “Mezzogiorno, emigrazione di massa e sottosviluppo”

Mario Iaquinta, Luigi Pellegrini Editore, 2002

* “Terroni”

Pino Aprile, Piemme 2010

* “Brigantesse. Donne guerrigliere contro la conquista del Sud”

Valentino Romano, Napoli, Crontrocorrente, 2007

* “Il Brigantaggio da Fra’ Diavolo a Crocco”

Marc Monnier, Lecce, Capone

* “Briganti e musica popolare dal nord al Sud”

Pierluigi Moschitti, Gaeta, Sistema Bibliotecario Sud Pontino

* “Il “brigantaggio” politico nella Marca pontificia ascolana dal 1798 al 1865″

Timoteo Galanti, Sant’Atto di Teramo, Edigrafital, 1990

* “Stefano Pelloni detto il passatore: cronache popolari”

Massimo Dursi, Giulio Einaudi Editore, 1963

* “Storia del brigantaggio dopo l’Unità”

Franco Molfese, Giangiacomo Feltrinelli Editore, 1966

* “Brigantaggio e Risorgimento – Legittimisti e Briganti tra i Borbone e i Savoia”

Giovanni De Matteo, Napoli, Alfredo Guida Editore, 2000

* “Il brigantaggio politico nel brindisino dopo l’Unità”

Vincenzo Carella, Fasano, Grafischena, 1974

* “Il rovescio della medaglia: storia inedita del brigante Stefano Pelloni detto il Passatore”

Leonida Costa, , Fratelli Lega, 1976

* “Cronache del Brigantaggio Meridionale (1806-1815)”

Francesco Barra, Salerno, S.E.M., 1981

* “I fuochi del Basento”

Raffaele Nigro, Milano, Camunia, 1987

* “Carmine Donatelli Crocco, La mia vita da brigante”

Valentino Romano (a cura di) Bari, Adda, 2005

* “Carmine Donatelli Crocco,Come divenni brigante”

Mario Proto (a cura di) – Autobiografia, Manduria, Lacaita, 1995

* “Una storia siciliana fra Ottocento e novecento. Lotte politiche e sociali, brigantaggio e mafia, clero e massoneria a Barrafranca e dintorni”

Salvatore Vaiana, Barrafranca, Salvo Bonfirraro editore, 2000

* “Briganti, arrendetevi!: Ricordi di un antico bersagliere”

Ferdinando Mirizzi, Venosa, Osanna, 1996

* “Brigantaggio, repressione e pentitismo nel Mezzogiorno preunitario”

Francesco Gaudioso,Galatina, Congedo, 2002

* “Calabria ribelle. Brigantaggio e sistemi repressivi nel Cosentino (1860-1870)”

Francesco Gaudioso, Milano, FrancoAngeli, 1996

* “Il banditismo nel Mezzogiorno moderno tra punizione e perdono”

Francesco Gaudioso, Galatina, Congedo Editore, 2001

* “Dossier Brigantaggio. Viaggio tra i ribelli al borghesismo e alla modernità”

Francesco Mario Agnoli, Napoli, Controcorrente, 2003

* “La Capitanata fra briganti e piemontesi”

Giovanni Saitto, Edizioni del Poggio, 2001

* “La repressione del brigantaggio a Canicattì e dintorni da Francesco Bonanno a Cesare Mori”

Salvatore Vaiana, pubblicato in “Canicattì nuova”, Canicattì, 2002.

* “Josè Borjes,La mia vita tra i Briganti”

Tommaso Pedio (a cura di), Manduria, Lacaita

* “Con Dio e per il Re. Diario di guerra del generale legittimista”

Josè Borjes, Napoli, Controcorrente, 2005

* “La guerra cafona: Il brigantaggio meridionale contro la Stato unitario”

Salvatore Scarpino, Milano, Boroli Editore, 2005

* “Giustiziateli sul campo. Letteratura e banditismo da Robin Hood ai giorni nostri”

Raffaele Nigro, Milano, Rizzoli Editore, 2006

* “Il Regno perduto”

Antonio Ballarati, Napoli, Edizioni Iuppiter, 2012

* ” Dieci anni di storia nascosta”  Michele Bisceglie, Falco Editore, 2011

* “Napoli sfregiata. Frammenti di vita e di strada 1860-1864″ Luigi Iros, Tullio Pironti Editore, 2011

* ” Bugie omissioni crimini del Risorgimento – Quando il Sud era il primo stato italiano” Orlando Fico, Ed. Il Calamaio, Roma

* ” Due Sicilie 1860: l’invasione” Bruno Lima, Fede & Cultura Editore, 2008

* “Viva Francesco II Morte a Vittorio Emanuele!” Fulvio D’Amore, Edizioni Controcorrente, 2004

fONTE: http://briganti.info/bibliografia-sulla-vera-storia-del-risorgimento/

One Reply to “RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PASSATO – – La fierezza del Sud”

  1. MELO CALLIPO ha detto:

    La storia la scrive il vincitore. Quindi abbiamo da noi vie piazze intestate ai 4 BANDITI D’ITALIA: V.E.II -GARIBALDI – MAZZINI – CAVOUR ( che non parlava abitualmente l’italiano) V.E.II RE “GALANTUOMO” (?) CRIMINALE DI GUERRA,secondo le leggi internazionali, perché invase il Regno di Napoli senza la preventiva dichiarazione di guerra resa agli ambascioatori. In più era cugino carnale di RE FRANCESCO II (figli di fratello e sorella),PER CUI IL GALANTUOMO SI RIPRESE LA DOTE DELLA ZIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close