DA CHE PULPITO VIENE LA PREDICA!!! ‘Pagate le tasse, Greci!’.

L

 

 

Rievochiamo una vicenda del 2012, che è bene ricordare. L’attacco alla Grecia della N° 1 del FMI, Christine Lagarde, le si ritorse contro poiché non pagava imposte.

E così si scoprì che Christine Lagarde, l’eminente personalità che ricopre il ruolo di direttore operativo del Fondo Monetario Internazionale e che ha provocato una reazione rabbiosa da parte dei cittadini greci dopo aver loro intimato di pagare le tasse, non pagava alcuna imposta sul proprio stipendio.

di Philip Aldrick.
The Telegraph, 29 maggio 2012
La signora Lagarde è stata costretta a pubblicare un’imbarazzante retromarcia sulla sua pagina Facebook durante il fine settimana dopo essere stata bombardata da centinaia di cittadini greci che si sentivano insultati dalla sua insinuazione sul fatto che la crisi del paese fosse in parte dovuta a «tutte queste persone che in Grecia stanno cercando di evadere le tasse».
Tuttavia, martedì ha dovuto ammettere che il suo stipendio annuale di 467.940 dollari, ossia 420.000 euro (più altri 83.760 dollari di extra) risulta totalmente esentasse in quanto l’FMI è un’organizzazione internazionale.
Un portavoce dell’FMI ha dichiarato: «Gli stipendi, come quelli presso la maggior parte delle organizzazioni internazionali, sono pagati su un netto più basso della base imponibile al fine di garantire la parità di retribuzione a parità di lavoro a prescindere dalla nazionalità.»
Ha aggiunto che la signora Lagarde, 56 anni, paga tutte le altre «tasse che le spetta pagare, comprese le imposte locali e di proprietà negli Stati Uniti e in Francia».
Christine Lagarde guadagna più del presidente Barack Obama e di David Cameron, entrambi i quali pagano imposte.
Fonte: http://www.telegraph.co.uk/…/Christine-Lagarde-attack-on-Gr…
Traduzione per Megachip a cura di Matzu Yagi.
Megachip Redazione
http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display
fOTO WEB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close